Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Puglia, tributo di bonifica: una legge per esonerare le aziende colpite da Xylella

La proposta è stata messa nero su bianco dalla Confagricoltura di Taranto, Lecce e Brindisi e sarà portata all'attenzione del Consiglio e della Giunta della regione, che si accollerebbe gli oneri sul proprio bilancio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivicoltura-xylella-olivo-oliviby-peuceta-fotolia-750.jpeg

Pagherebbero il tributo solo le aziende non colpite dal batterio e che ricevono effettivi benefici dal servizio di bonifica
Fonte foto: © Peuceta - Fotolia

Esonerare dal pagamento dei tributi consortili le aziende ricadenti nelle aree colpite dalla Xylella fastidiosa. E' la proposta, messa nero su bianco nella forma di un progetto di legge regionale, lanciata da Confagricoltura Taranto lunedì 30 luglio 2018 durante il convegno interprovinciale svoltosi a Manduria, nella sede del Gal "Terre del Primitivo", organizzato da Confagricoltura Manduria.

Al centro del dibattito l'annosa questione del Consorzio di bonifica Arneo, con la disputa tuttora aperta legata al pagamento delle cartelle per il tributo 630 già ricevute per gli anni 2014-2015 ed ai malumori generati dalla mancanza del presupposto più importante: pagare un tributo sì, ma solo in presenza del relativo beneficio in termini di opere e servizi. Malumori destinati a raddoppiare tra le aziende agricole quando, a breve, arriveranno le cartelle per gli anni 2016 e 2017.

Una vicenda che non riguarda solo il Consorzio dell'Arneo, ma anche quelli di Stornara e Tara, Terre d'Apulia e Ugento Li Foggi, oggi accomunati sotto la guida del commissario unico Alfredo Borzillo e destinati all'unificazione nel Consorzio di bonifica del Centro-Sud Puglia. Il testo della bozza di disegno di legge per l'esclusione dal pagamento dei tributi consortili per le zone agrarie colpite dalla batteriosi di Xylella fastidiosa, che sarà sottoposto alle istituzioni regionali perché lo facciano proprio, è stato concordato dalle Unioni Confagricoltura di Lecce, Brindisi e Taranto, proprio perché l'intera provincia di Lecce è stata dichiarata infetta dalla batteriosi della Xylella fastidiosa, sottospecie Pauca, e le province di Brindisi e Taranto sono anch'esse, sebbene in parte, interessate dall'infezione.
 

Lo spirito della legge

Il presidente ed il direttore di Confagricoltura Taranto, Luca Lazzàro e Carmine Palma, hanno spiegato che le scelte sinora adottate per contrastare la Xylella sono apparse inefficaci e, per altro verso, eccessive, con l'effetto di devastare il suolo (espianti, desertificazione, mancata indicazione di specie arboree sostitutive). "Insomma - è stato detto - non sono state decise azioni attive e positive in termini di tutela del suolo, ma neppure di indirizzo e di accompagnamento".
 

Le norme proposte

Di qui l'idea della norma a sostegno delle aree colpite, con l'obiettivo di tentare di attenuare gli effetti dannosi del fenomeno - in termini di distruzione di impianti e capacità produttiva e di reddito delle imprese - anche sotto il profilo della riduzione dei costi. In concreto, così è scritto nella bozza del disegno di legge, la nuova norma dovrebbe prevedere "l'esonero, per le zone colpite, dal pagamento del tributo generale di bonifica (630), nonché del contributo per le opere irrigue (648) per gli anni 2016, 2017 e 2018", i cui relativi oneri sarebbero a carico del bilancio della Regione Puglia.

Naturalmente un provvedimento del genere avrebbe ricadute dirette sulla gestione dei Consorzi di bonifica. Un aspetto previsto dalla proposta normativa di Confagricoltura: "ai sensi di legge, per tali zone agrarie, dovrà essere necessariamente rivista ed attualizzata la perimetrazione consortile e, conseguentemente, predisposto un nuovo piano di classificazione e di riparto della contribuenza che, tenendo conto della mutata condizione del suolo, assicuri la esatta corrispondenza tra i benefici forniti ed i contributi richiesti".

Di fatto il pagamento dei tributi consortili sarebbe fatto salvo solo nelle aree non colpite da Xylella, ma basandolo sul principio dell'esigibilità a fronte di un concreto beneficio, mentre sarebbero esonerate le zone agrarie delimitate ai sensi della decisione di esecuzione Ue del 27 giugno 2018. Un modo per aiutare le aziende agricole a non chiudere i battenti perché, sostanzialmente, colpite a tradimento due volte: dalla Xylella e dalle cartelle dei consorzi.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner