Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Marche, aperte le domande di indennizzo per la siccità estiva

Dopo il riconoscimento dell'eccezionalità dell'evento da parte del Mipaaf, le aziende possono inoltrare le domande di aiuto per i mancati redditi e maggiori costi produttivi entro il 9 aprile prossimo

siccita-terra-secca-by-matteo-giusti-agronotizie-jpg.jpg

Siccità, nelle Marche al via le domande di aiuto
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

Scade il prossimo 9 aprile il termine di presentazione delle domande per richiedere gli aiuti previsti dal Fondo di solidarietà nazionale per i danni subiti dalle aziende e dalle cooperative agricole a seguito della siccità primaverile ed estiva del 2017.

Il 13 febbraio scorso il Mipaaf ha infatti riconosciuto l'eccezionalità della carenza idrica che ha interessato le Marche dal 21 marzo al 21 settembre dello scorso anno. Un riconoscimento avvenuto su indicazione della regione che aveva segnalato i danni subiti dal settore agricolo su tutto il territorio marchigiano.

In base alle segnalazioni della regione le colture interessate sono il girasole, il mais, le piante portaseme, la vite, le frutticole, le foraggere avvicendate, i prati pascolo, le orticole da pieno campo, e anche l'apicoltura.

Per l'assessore regionale all'Agricoltura Anna Casini la siccità ha causato un danneggiamento importante della nostra capacità produttiva che ha creato notevoli difficoltà alla ripresa dei singoli settori coinvolti.

Gli aiuti che verranno concessi per Anna Casini devono favorire la ripresa delle produzioni e dell'intero settore primario, già profondamente segnato dal terremoto e dalle eccezionali nevicate del gennaio 2017 e delle successive gelate dell'aprile 2017.

Saranno indennizzati i minori redditi per le perdite di produzione e i maggiori costi causati dalla siccità e l'entità dei contributi sarà determinata dopo il riparto del Fondo nazionale, sulla base delle somme destinate alle Marche.

Per poter richiedere l'indennizzo le aziende dovranno aver subito danni superiori al 30% della produzione media annua.

Le aziende interessate dovranno presentare richieste e documentazione attraverso il portale Siar e per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero dedicato 071 8063887.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner