Agriumbria: l'agricoltura in primo piano

La 48° edizione della mostra nazionale dell'agricoltura, della zootecnia e dell'alimentazione si terrà dall'1 al 3 aprile a Umbriafiere

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agriumbria-2016.jpg

Bastia Umbra (Pg), 1-3 aprile

Si terrà dall'1 al 3 aprile nel Quartiere fieristico di Bastia Umbra (Pg) la 48° edizione di Agriumbria, mostra nazionale dell’agricoltura, zootecnia, alimentazione (1-3 aprile) intende consolidare il ruolo di Umbriafiere quale polo fieristico impegnato a proporre innovazioni tecnologiche per progettare modelli di filiera agroalimentare trasferibili sul piano strutturale ed economico nelle diverse realtà delle imprese agricole; queste sono infatti sempre più coinvolte nella riorganizzazione della loro produzione agricola nell'ottica di mercati nazionali e internazionali dinamici.

Innovazione e interprofessione nelle filiere agroalimentari: è questo l'orientamento della politica agricola comunitaria ed è anche la formula adottata da tempo da Agriumbria – fa presente il presidente di Umbriafiere Spa, Lazzaro Bogliari –– promuovendo l’intersettorialità e l’interdisciplinarietà della manifestazione, divenuta un appuntamento fieristico capace di offrire all’imprenditore agricolo la possibilità di essere l’interlocutore primario nella “costruzione” di un tessuto economico e sociale quale garanzia della tutela dell’ambiente.

Le mostre e le rassegne zootecniche, i Saloni specializzati (Enotec, Oleatec e Bancotec) e le aree espositive nelle quali vengono proposte soluzioni di innovazione dei mezzi tecnici, consentiranno alla manifestazione umbra di interpretare le aspettative dei produttori agricoli trasmesse con il logo “Agriumbria – l’agricoltura in primo piano”; Umbriafiere Spa ha voluto lanciare questo messaggio per richiamare il ruolo primario degli imprenditori agricoli impegnati anche a modificare gli indirizzi produttivi delle proprie aziende con colture alternative a quelle che abitualmente fanno parte della organizzazione aziendale.

Il problema delle riconversioni colturali, totali o parziali, ritiene Umbriafiere Spa, richiede il coinvolgimento degli operatori economici, e in primis, dei produttori agricoli con l’obiettivo di esser parte attiva anche su questo aspetto dell’evoluzione della produzione delle aziende agricole; a tale scopo l’ente fieristico ha deciso di organizzare la mostra convegno “Cosinterra – l’utile del benessere” che avrà luogo nel Quartiere fieristico di Bastia Umbra nei giorni 30 settembre 1-2 ottobre 2016.

La mostra, fa presente il presidente Bogliari, si propone di stimolare la ricerca di indirizzi e progetti colturali finalizzati ad attivare iniziative per stimolare l’alternanza delle produzioni agricole, la realizzazione di progetti imprenditoriali e la conoscenza di prodotti che contribuiscano al miglioramento della qualità della vita. Le intere filiere produttive saranno oggetto di convegni e workshop con interventi internazionali di alto profilo tecnico e scientifico.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.717 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner