Emergenza ulivi, l'appello di Unaprol alle istituzioni

Il presidente Massimo Gargano chiede un impegno straordinario contro il batterio che sta attaccando i simboli del made in Italy in Salento

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

olivo-olive-foglie-cielo-byflickrcc20-boobooo-500.jpg

Si aggrava la situazione in Salento, dove il parassita Xilella Fastidiosa sta attaccando gli impianti di ulivo
Fonte foto: © Boobooo - Flickr

"I lunghi tempi decisionali che si stanno prospettando per risolvere questa problematica, in particolare demandando alla Ue la risoluzione del problema, non possono essere accettati".

Il presidente di Unaprol, Massimo Gargano, lancia un appello al ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo e alla Conferenza Stato Regioni in merito alla gravità che sta assumendo nelle aree del Salento l’attacco del parassita Xilella Fastidiosa agli impianti di ulivo, simbolo del Made in Italy nel mondo.
Gargano ricorda che esistono già strumenti, per combattere l'emergenza, sia a livello nazionale che regionale: in particolare, il Psr con le misure presenti nell’asse 2.

"Si ha l’opportunità di intervenire immediatamente e in tempi brevi - spiega Gargano - per tutelare il patrimonio olivicolo non solo di queste aree ma di tutta Italia".
"Proprio la valenza economica, paesaggistica ed occupazionale del settore dell’olio di oliva, in particolare delle regioni del Centro-Sud - conclude Gargano - mi obbliga ad un richiamo di responsabilità a tutti i presidenti e assessori regionali perché in modo sinergico facciano sistema e si attivino senza indugio per rimediare a questa emergenza, come hanno dimostrato in altre occasioni di saper fare".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.655 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner