Gli ambiziosi obiettivi ambientali fissati dal Green Deal hanno tracciato nuove strade anche per quanto riguarda le produzioni agricole. Queste dovranno distinguersi sempre più in termini di sostenibilità ambientale, come pure dovranno impegnarsi per ottimizzare ulteriormente gli impieghi di sostanze chimiche, a tutto vantaggio anche dei profili residuali delle produzioni.

 

Tutto questo ha reso indispensabile un'ulteriore accelerazione da parte di Syngenta e di Valagro, rispettivamente impegnati nei settori della difesa e della nutrizione delle colture e forti di un'importante esperienza maturata sul campo, che hanno quindi unito le forze per sviluppare e affinare protocolli di produzione innovativi, caratterizzati da specifici punti di forza a favore delle colture:

  • proteggendole e nutrendole al meglio;
  • supportandole contro gli stress biotici e abiotici;
  • preservando rese e reddito per gli agricoltori;
  • diminuendo drasticamente gli input impiegati in campo. 

 

Il tutto, con il fine ultimo di rispettare l'ambizioso obiettivo di essere "più produttivi, naturalmente".

 

In tal senso l'innovazione delle diverse proposte tecniche è la colonna portante di entrambe le realtà, accomunate dalla medesima attenzione verso la propria clientela, nonché verso le persone e, non da ultimo, per l'ambiente. Ed è proprio grazie all'impegno continuo, profuso nella ricerca di soluzioni e di servizi innovativi ed efficaci, che Syngenta e Valagro intendono rendere l'agricoltura sempre più sostenibile.
Già dal 2021, infatti, le due Aziende si sono impegnate nella definizione di protocolli integrati che rispondano a molteplici aspettative:

  • della filiera: assicurando la fornitura di produzioni agricole in quantità e qualità sia in termini di sanità, sia di conservabilità, gusto e profilo residuale conforme alle richieste dei mercati;
  • dei produttori: offrendo loro soluzioni efficaci e sostenibili, atte a razionalizzare l'uso dei mezzi tecnici preservando comunque la massima sanità delle piante e dei raccolti;
  • del legislatore: dando un supporto concreto al raggiungimento degli sfidanti obiettivi di sostenibilità presi a livello nazionale e internazionale. 

 

Le colture interessate

Nel corso del 2021 le attività di Syngenta e di Valagro hanno permesso di sviluppare una serie di protocolli integrati a beneficio della vite, da vino e da tavola, del pomodoro da industria e del nocciolo, un primo gruppo di colture che raccoglie quindi tre delle più nobili produzioni italiane. Basati su solidi dati scientifici, tali protocolli sono stati attentamente messi a punto e testati in campo, fornendo ottimi risultati, sia in termini di produttività, sia di sostenibilità delle pratiche agricole.


Anche la comunicazione giocherà ovviamente un ruolo fondamentale per il successo dell'iniziativa: a beneficio di tutti gli operatori professionali tali evidenze sperimentali saranno condivise e rese accessibili tramite un'apposita pagina web dedicata, descrivendo l'efficacia di questi innovativi protocolli di produzione in termini di protezione, produzione, qualità e stato di salute delle piante. 
Anche in questa stagione sono in corso diverse attività di campo.

 

I vantaggi dei protocolli integrati Syngenta e Valagro potranno essere toccati con mano negli incontri dimostrativi di cui verrà data notizia sull'apposita pagina web del sito di Syngenta Italia

pianta-piantina-agricoltura-cura-by-romolo-tavani-adobe-stock-750x490.jpeg
Syngenta, Valagro e l'ambizioso obiettivo di essere più produttivi, naturalmente (Foto di archivio) Fonte foto: © Romolo Tavani - Adobe Stock