Ancor più digital: parte la nuova edizione di "Prove in rete" di BASF

Nonostante l'emergenza sociosanitaria, l'agricoltura non può fermarsi. Per questo motivo il progetto dell'azienda riparte e si arricchisce di nuovi canali di comunicazione digitali

basf-prove-in-rete-2020-fonte-basf.jpg

Si parlerà di strategie di difesa basate sull'andamento meteo e sulla pressione delle più importanti malattie

In un momento di grande complessità, in cui tutte le attività non indispensabili del nostro Paese sono ferme o fortemente rallentate, l'agricoltura deve andare avanti. In questo contesto riparte la terza edizione di Prove in rete, iniziativa di BASF in collaborazione con agronomi esperti e volta a condividere esperienze di campo e consigli imperniati su colture e arealidell'eccellenza produttiva italiana.

Quest'anno per far fronte alle restrizioni e ai limiti di spostamento dettati dall'emergenza sociosanitaria, oltre alla pagina web, BASF ha deciso di attivare un numero WhatsApp dedicato che permette di condividere con gli agricoltori i consigli mirati e tempestivi di "Prove in rete". Il servizio è totalmente gratuito e iscriversi è facile, basta salvare il numero 366 1544955 in rubrica e mandare un messaggio di adesione.

Per questo 2020, il progetto si focalizza sulla vite e, in particolare, sulle regioni Piemonte e Veneto. Da qui, grazie alla collaborazione di esperti del territorio, nel periodo fra aprile e settembre, partiranno (attraverso messaggi WhatsApp) videoconsigli tempestivi ed utili per affrontare al meglio la stagione in corso. Si parlerà di strategie di difesa basate sull'andamento meteo e sulla pressione delle più importanti malattie, ma anche di buone pratiche e temi caldi nell'ambito dellaviticoltura.

Le aziende agricole che collaborano al progetto, testando le soluzioni BASF e confrontandole con delle parcelle testimone, saranno infatti seguite dagli esperti fino alla vendemmia ed anche oltre, con un approccio a 360°, dal campo alla cantina.
Per supportare al meglio il comparto della viticoltura in un'annata così particolare,in cui la presenza fisica dei tecnici è ridotta ai minimi termini, BASF punta quindi ancor di più sugli strumenti digitali e sul progetto "Prove in rete". Obiettivo principale è restare vicina agli addetti ai lavori, soprattutto nei momenti apicali dellastagione, e condividere l'efficacia delle proprie soluzioni mostrando, anche se virtualmente, i risultati ottenuti in campo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.658 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner