Epik® SL su olivo: un solo prodotto per quattro parassiti

Efficace e selettivo, l'insetticida di Sipcam Italia vanta in etichetta tutti e quattro gli insetti chiave che affliggono l'olivo: mosca, tignola, sputacchina e cecidomia

Contenuto promosso da Sipcam Italia
uliveto-toscana-donatello-sandroni.jpg

Protezione completa per gli ulivi contro i quattro insetti chiave

Difficile fare poker con un solo prodotto. Su olivo vi è riuscita Sipcam Italia grazie a Epik® SL, insetticida a base di acetamiprid che è riuscito a toccare in etichetta ben 70 colture per 60 parassiti differenti.

Oggi la Casa italiana capitalizza i frutti di un lungo lavoro svolto negli anni per affinarne la formulazione e ampliarne l'etichetta, realizzando un liquido solubile a 50 g/L di sostanza attiva capace di accorpare in sé, unico nel suo genere, tutti e quattro i parassiti chiave dell'olivo, ovvero mosca (Bactrocera oleae), tignola (Prays oleae), sputacchina (Philaenus spumarius) e cecidomia fogliare (Dasineura oleae).

Punto fermo nel contenimento di Philaenus, vettore di Xylella fastidiosa, Epik® SL permette anche di compensare la perdita per gli olivicoltori di alcuni prodotti che per decenni hanno rappresentato il riferimento tecnico contro la mosca, come per esempio i formulati a base di dimetoato. In futuro, la scelta tecnica vedrà infatti una forte diminuzione quanto a soluzioni disponibili ed è proprio in tale scenario che la robusta etichetta di Epik® SL può giocare un ruolo fondamentale.
 

Mosca dell'olivo: trattamenti mirati

Verso fine estate si palesano appieno le popolazioni di mosca, la quale è però presente negli uliveti già da fine primavera. Più si avvicina la maturazione delle olive, più il parassita sarà in grado di apportare danni ai raccolti, anche in termini di qualità dell'olio estratto.

Le proprietà intrinseche di Epik® SL rendono però necessario un attento monitoraggio dell'evoluzione del parassita. Al contrario di prodotti "spazzola" del passato, non è consigliabile attendere una presenza di olivine colpite intorno al 10-15%. La lotta alla mosca con Epik® SL deve essere infatti di tipo preventivo, posizionando correttamente i trattamenti.

In tal senso è quindi bene monitorarne i voli degli adulti di mosca fin da fine giugno e inizio luglio, utilizzando le apposite trappole Pherocon. Quando le olive saranno maggiormente suscettibili alle penetrazioni, il monitoraggio con le trappole andrà poi integrato con un opportuno controllo visivo, al fine di quantificare un massimo del 2-3% di olive con segni di ovideposizione.

Epik® SL ha infatti un'ottima efficacia se applicato precocemente, entro la soglia sopradescritta, eventualmente ripetendo il trattamento 12-14 giorni dopo. Intervenire quando l'infestazione ha già preso piede in modo significativo rischia solo di favorire il parassita e di deludere l'olivicoltore. Al contrario, intervenendo precocemente in chiave preventiva la mosca può essere efficacemente controllata, massimizzando le rese anche in termini qualitativi dell'olio estratto.
 
La dose unica di impiego di Epik® SL su olivo è di 150 ml/hl oppure, esprimendole sulla superficie, di 1,5 L/ha. Il prodotto può essere applicato fino a due volte nel corso dell'anno, sospendendo i trattamenti a 21 giorni dalla raccolta.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.911 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner