Monitorare, modellizzare, trattare

Un nuovo modello previsionale di Pioneer Hi-Bred permetterà di prevedere l'evoluzione del ciclo della Diabrotica. Utile sarà anche per posizionare correttamente i trattamenti geoinsetticidi alla sarchiatura

Contenuto promosso da Pioneer Hi-Bred Italia, Sipcam Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pioneer-diabrotica-roncade-2014.jpg
Il convegno organizzato da Sipcam a Roncade, in Provincia di Treviso, è stato arricchito anche dai contributi di Pioneer Hi-Bred, la quale ha presentato un nuovo modello previsionale atto a monitorare il ciclo della Diabrotica.

La Diabrotica potrà essere messa nel mirino esattamente come accade ora col mais. Marcello Granata, di Pioneer Hi-Bred, ha infatti illustrato un nuovo percorso tecnico-agronomico per il controllo della Diabrotica, da implementarsi nel 2015.

La svolta, in tal senso, era giunta già nel 2010 con l’emissione di un bollettino in grado di fornire in tempo reale l’evoluzione del fitofago. Un bollettino che si basa su un modello previsionale operante sulla base di dati meteo, come per esempio i gradi giorno. Il modello permette di prevedere anche i passaggi delle larve da uno stadio all’altro. Pure si possono identificare aree omogenee su tutta la pianura padana, in modo da fornire indicazioni omogenee per territorio.
La validazione del modello è stata poi effettuata tramite le osservazioni dirette in specifici campi spia, ove fosse facile verificare la correttezza delle previsioni del modello. Questo è stato elaborato da Paula Davis, ricercatrice di Pioneer.

Nel 2015 si vuole espandere ulteriormente il modello, grazie alle esperienze raccolte negli anni precedenti.

Numerosi campi spia permetteranno a Pioneer di velidare e perfezionare le previsioni fornite dal nuovo modello Diabrotica


Leggi anche gli articoli:
Alle radici del problema
Ercole e Diabrotica: l'efficacia dei numeri

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.697 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner