8° Forum fitoiatrico interregionale

Domani, mercoledì 19 febbraio, a Conegliano (Tv) si terrà l'incontro promosso dal Condifesa Treviso. Ore 9.00, nell'Aula Magna dell'Università di Agraria

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, le trovi nella sezione News Partner.

forum-fitoiatrico-2013-nadal-pubblico.jpg

Un momento della scorsa edizione del Forum

Torna l’appuntamento con il Forum fitoiatrico promosso dal Condifesa Treviso. L'ottava edizione del Forum, che interesserà l’intero Nordest, avrà luogo nella mattinata di mercoledì 19 febbraio nell’Aula Magna dell’Università di Agraria sede di Conegliano (Tv). Saranno presenti 16 multinazionali produttrici di agrofarmaci, 13 delle quali si confronteranno direttamente con il pubblico nella presentazione dei loro nuovi prodotti, approfondendo anche la conoscenza di quelli ad azione naturale.

Valerio Nadal, presidente di Condifesa Treviso ha commentato: “E’ un’occasione per permettere ai viticoltori e a quanti operano nel settore di aggiornarsi sulle reali caratteristiche funzionali, lo spettro d’azione e l’impiego ottimale di tali prodotti nella difesa fitosanitaria dei vigneti, mantenendo però sempre un occhio vigile al rispetto della salute umana e dell’ambiente".

L’incontro metterà a confronto 16 multinazionali produttrici di agrofarmaci (alcune con proposte inerenti a prodotti ad azione naturale: biostimolanti) tredici delle quali (BASF, Bayer, Biogard, Cerexagri, Certis, Dow, Gowan, Kalos, Makhteshim, Scam, Sipcam, Sumitomo, Syngenta), avranno a disposizione 10 minuti per esporre le novità dei loro prodotti (max 2 agrofarmaci), mentre le altre (Belchim, Du Pont, Sivam), saranno a disposizione alla fine dell’incontro per rispondere ad eventuali richieste di delucidazioni nelle loro linee tecniche di difesa.
L’incontro, organizzato e coordinato dal tecnico del Condifesa Treviso Fiorello Terzariol, verrà introdotto da Gabriele Zecchin del Servizio fitosanitario della Regione Veneto e sarà poi moderato da Michele Borgo, presidente della Commissione viticoltura dell’Oiv, Organizzazione internazionale della vite e del vino.