Semine: grano e barbabietole, gli agricoltori ci ripensano

Secondo Confagricoltura l'aumento dei terreni a riposo sarà inferiore alle previsioni Istat

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

campo-agricoltura-frumento-raccolto-byflickrcc20-tskdesign.jpg

Confagricoltura 'corregge' le stime Istat sulla diminuzione delle superfici coltivate a frumento duro e tenero
Fonte foto: tskdesign

Per effettuare le stime sulle semine di quest'anno l'Istat ha contattato gli agricoltori del campione d'indagine a novembre-dicembre scorso e tra l'altro ha previsto una diminuzione delle superfici coltivate a frumento duro (-13,5%) e tenero (-5%).

"In tale periodo però – ricorda Confagricoltura - le condizioni del maltempo rendevano impossibili le semine in molte aree del Paese e spingevano quindi gli agricoltori a fare considerazioni che poi, a gennaio, specie al Centro-Sud dove si è avuto un clima asciutto, hanno accantonato; oltretutto in tale epoca il grano duro è tornato ad essere una produzione interessante per gli agricoltori grazie al consistente aumento dei prezzi (+14%)".

In base alle stime Istat le superfici non coltivate aumenterebbero del 19,1%. Ma, ad avviso di Confagricoltura, "molti terreni sono rimasti temporaneamente a riposo per rotazione in vista delle semine primaverili di mais e soia al Nord e di girasole al Sud. Riteniamo che il dato sull'incremento delle superfici a riposo ipotizzato dall'Istat sarà probabilmente dimezzato".

Per la barbabietola da zucchero l'Istat stima una riduzione delle superfici del 21%, ma anche in questo caso, in realtà, Confagricoltura ritiene che ci dovrebbe essere un recupero, date le maggiorazioni di prezzo pattuite da alcuni zuccherifici con gli agricoltori nelle ultimissime settimane, proprio per evitare un crollo delle semine a febbraio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 217.833 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner