PIRITRE, UN’ALTRA NOVITA’ CHEMIA

Si tratta di un insetticida concentrato emulsionabile

Il prodotto agisce per contatto, ingestione e in parte anche per azione di vapore. Non è miscibile con i fitofarmaci a reazione alcalina

Questo articolo è stato pubblicato oltre 18 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

CatChemiapic.jpg

Pirite è un insetticida fosforganico a largo spettro d’azione che agisce per contatto, ingestione e in parte per azione di vapore. E’ particolarmente indicato per contrastare le larve di lepidotteri e le neanidi di cocciniglie dei fruttiferi e dell’arancio, esplicando un’azione frenante sullo sviluppo delle popolazioni di acari.

Il prodotto presenta un elevato potere abbattente anche contro le larve già protette dalle foglie. Inoltre, Piritre svolge una azione frenante rispetto allo sviluppo delle popolazioni di acari tetranichidi.

Non è miscibile con i prodotti fitosanitari a reazione alcalina e in caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici.

 

Per informazioni: Chemia Spa Dosso (FE) – tel. 0532/845570 fax 0532/350109 www.chemia.it e-mail: info@chemia.it

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.669 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner