Massey Ferguson 1700 M, potere ai piccoli!

La famiglia si amplia con i nuovi trattori da 35 a 67 cavalli, minuti ma capaci di grandi imprese grazie alla doppia trazione, ai motori Stage V e alle trasmissioni idrostatica o meccanica

mf-1740m-2020.jpg

MF 1740 M con motore a 3 cilindri Stage V
Fonte foto: Massey Ferguson

I nuovi trattori compatti Serie MF 1700 M di Massey Ferguson, fratellini dei 4700 e 5700 M, "sono progettati per garantire ottime performance in diverse applicazioni di orticoltura, municipalità, cura del verde e agricoltura" spiega Francesco Murro, direttore marketing Massey Ferguson Eme.

Gli ultimi arrivati - la cui commercializzazione in Italia è in fase di valutazione - vanno ad aggiungersi ai 1520 da 20 cavalli e ai 1525 da 25 cavalli. Più stretti e leggeri rispetto ai MF 3700 e 4700 che partono da 75 cavalli, "rinnovano la gamma dedicata alle piccole aziende agricole e - specifica Murro - ne aumentano le specifiche per offrire maggiori produttività e comfort agli agricoltori professionisti e hobbisti".
 

Dotazioni invidiabili

I trattori a quattro ruote motrici MF 1735-1740-1750-1755-1765 M(quest'ultimo offerto con due tipi di trasmissione) possiedono motori common rail che sviluppano potenze massime da 35 a 67 cavalli e coppie massime da 110 a 200 newtonmetri. Sono emissionati in Stage V grazie al sistema di post-trattamento All-In-One con rigenerazione automatica che, installato sotto il cofano, è esente da manutenzione. I due modelli più piccoli montano propulsori a 3 cilindri da 1.8 litri, mentre per i restanti tre sono previste unità a 4 cilindri da 2.4 litri.

Disponibili due tipi di trasmissione: idrostatica Servo HST a tre gamme (MF 1735, 1740, 1750, 1765 M) e meccanica con quattro marce in tre gamme da 12AV + 12RM (MF 1755 e 1765 M). La versione Servo HST - facile da usare grazie alla leva inversore sotto il volante e al cruise control con sensibilità regolabile - consente di raggiunge velocità massime di 34 chilometri orari. Il cruise control permette di salvare una velocità, attivarla con un interruttore quando il mezzo è in movimento, regolarla con una leva a destra del piantone dello sterzo e disinnestarla premendo il pedale del freno.
 
Caratteristiche della Serie MF 1700 M
Caratteristiche della Serie MF 1700 M

Tutti gli MF 1700 M sono proposti con cabina più ampia rispetto al passato (1.065 millimetri) e silenziosa (76 dB). L'impianto dell'aria condizionata standard e il sedile a sospensione pneumatica optional aumentano il comfort, mentre i comandi ergonomici, il piantone dello sterzo regolabile, il lunotto riscaldato, la predisposizione radio, due prese Usb, una presa da 12 volt e un supporto per il cellulare non fanno mancare nulla al driver. I 1735-1740-1765 M sono offerti anche con piattaforma, dotata di arco abbattibile Rops e comandi pressoché uguali a quelli della versione con cabina.
 

MF 1735 e 1740 M, ideali per lo sfalcio

Le operazioni di taglio sono un gioco da ragazzi per i due trattorini da 35 e 40 cavalli che vantano un nuovo sistema di sfalcio a tre lame da 60 pollici montato in fabbrica. Le altezze di taglio sono regolabili da 25 a 115 millimetri direttamente dal sedile e l'altezza da terra del piatto è di 150 millimetri grazie a pneumatici più grandi.

Gli MF 1735 e 1740 M gestiscono gli attrezzi tramite la pdp posteriore 540/540 Eco (più una centrale a 2mila giri al minuto), con nuova modalità di disinnesto automatico Auto-Pto in caso di retromarcia o stop, e il prestante impianto idraulico. Una pompa ausiliaria invia 41.5 litri al minuto al sollevatore Cat. 1 con capacità di 1.200 chilogrammi, mentre una pompa separata per lo sterzo garantisce un flusso costante durante la svolta. Di serie sulle versioni cabinate due distributori posterioriquattro ventrali con comando sul joystick che facilita il controllo di falciatrici e caricatori frontali.
 
MF 1735 M con piattaforma
MF 1735 M con piattaforma
 

MF 1750 e 1765 M: coppia per lavori impegnativi

Produttività e performance aumentano con i modelli da 49 e 67 cavalli provvisti di un nuovo interruttore per la memorizzazione di due regimi motore che consente al conducente di selezionare la velocità più adatta toccando un pulsante e quindi di gestire più facilmente gli implement alimentati dalla pdp. Inoltre, un nuovo selettore rotativo permette di impostare la velocità di accelerazione, oltre che la velocità massima.

Come i fratelli minori, gli MF 1750 e 1765 M dispongono di una pdp posteriore a due velocità e una centrale. Diverso l'impianto idraulico con una pompa da 48 litri al minuto che alimenta il sollevatore capace di alzare fino a 1.580 e 1.600 chilogrammi. Forniti di serie due distributori posteriori con comando sul joystick.
 

MF 1755 e 1765 M non temono nulla

Infine, Massey Ferguson propone ai piccoli agricoltori i trattori da 54 e 67 cavalli con trasmissione meccanica, ideali per lavorare in piccoli campi, vigneti, frutteti come pure in impianti di colture specializzate e maneggi.
 
MF 1740 M in azione in maneggio
MF 1740 M in azione in maneggio

Ad eccezione della trasmissione facile da gestire grazie alle leve per il cambio marcia vicino al sedile e all'inversore sotto il volante sul lato sinistro, le specifiche dei due modelli sono le stesse dei MF 1750 e 1765 M con Servo HST.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 244.473 persone iscritte!