Beauvais: eccellenza Massey Ferguson

Cresce lo standard qualitativo di produzione dello stabilimento francese, fiore all'occhiello della casa produttrice parte del Gruppo Agco

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

stabilimento-beauvais-mf.jpg

Linea di produzione nello stabilimento MF di Beauvais
Fonte foto: Massey Ferguson

Massey Ferguson, dopo un bilancio sull'effetto prodotto dai 300 milioni di euro impiegati negli ultimi 5 anni per riorganizzare e migliorare le strutture dello stabilimento di Beauvais, riscontra un miglioramento nella qualità della produzione. Da qui, una crescita dell’indice di soddisfazione dei clienti e della qualità percepita dagli utenti finali.

Lo stabilimento di Beauvais nella regione della Piccardia è la patria di Massey Ferguson in Europa e produce trattori MF da 75 a 400 cavalli, distinguendosi per la grande capacità produttiva che nel 2015 dovrebbe raggiungere il traguardo delle 15 mila unità.
 

 
"La qualità, da sempre segno di riconoscimento dei trattori Massey Ferguson, oggi grazie a quella che possiamo definire una "rivoluzione industriale" della fabbrica, sta vivendo radicali modifiche del nostro approccio sempre più guidato dalla ricerca implacabile del miglioramento continuo - ha affermato Richard Markwell, vice-president e managing director, Massey Ferguson, EAME.
Per i clienti ciò si traduce in una sempre maggiore affidabilità e sicurezza che il loro trattore MF eccella in ogni situazione di lavoro".

Il 2010 rappresenta per Beauvais l'anno d'inizio della profonda trasformazione verso gli standard leader del settore, propri della Produzione Snella e capaci di elevare i livelli di efficienza ma, soprattutto, di agilità intesa come capacità di rispondere rapidamente alle mutevoli tendenze della domanda del mercato. 
 

 
Indicatore chiave del parametro qualitativo di fabbricazione adottato a Beauvais, è il Tgw, ovvero l'indice delle non conformità interne al processo di produzione.

"Per esempio - spiega Philippe Kerbrat, quality manager a Beauvais - un Tgw potrebbe essere una componente non conforme da un fornitore esterno o un piccolo graffio sulla vernice del trattore.
L'indice Tgw, dopo i miglioramenti in fabbrica, si è ridotto del 40 per cento in due anni. Risultato importante anche se a partire da una base già molto bassa
".
 

 
"Per quanto riguarda i feedback di soddisfazione ricevuti dai clienti - prosegue Kerbrat - il dato di “risposte positive” è aumentato sino al 94 per cento in meno di cinque anni".

Non ultimo, lo stabilimento di Beauvais ha recentemente ricevuto la Certificazione di Qualità ISO 9001 e il premio "Best in Class" dalla casa madre Agco. 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.195 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner