Fruit Attraction, sempre più globale

A Madrid nei tre giorni della manifestazione si è riunito il mondo dell'ortofrutta. La kermesse ha registrato la partecipazione di 89.390 professionisti provenienti da 127 paesi, +12% rispetto alla scorsa edizione

2019-fruit-attraction1.jpg

Già annunciate le prossime date di Fruit Attraction: si terrà dal 20 al 22 ottobre 2020

L'11° edizione di Fruit Attraction si è chiusa con una crescita del 12% rispetto all'anno precedente, registrando la partecipazione di 89.390 professionisti provenienti da 127 paesi, diventando così l'edizione più globale. All'appuntamento di Madrid hanno partecipato 1.770 aziende provenienti da 58 paesi, con un 9% in più rispetto al 2018, e 55.938 metri quadrati espositivi netti di offerta settoriale: un aumento del 10% rispetto all'ultima edizione.
 

Sempre più internazionale

Organizzata da Ifema e Fepex, l'edizione 2019 si è conclusa lo scorso 24 ottobre, ed è stata la più vasta e completa. I partecipanti internazionali sono aumentati del 23%, con una media di 1,83 giorni di permanenza nella fiera, rispetto all'1,55 totale. Anche quest'anno, i partecipanti europei sono stati i più numerosi, ossia il 65% del totale, con un aumento del 16% rispetto all'anno precedente. L'aumento maggiore lo hanno registrato America Latina e Caraibi, con un 47% in più di visitatori, seguiti da America del Nord, con un aumento del 31%, del Vicino Oriente, con un aumento del 21%, e dei paesi non comunitari, con un aumento del 20%. Fruit Attraction si conferma quindi un evento commerciale chiave per la produzione, la commercializzazione e la distribuzione mondiale.

Allo stesso modo, i visitatori del programma Mercado Importador Invitado, organizzato in collaborazione con Icex, e che in questa occasione sono stati India, Singapore e Cina, hanno registrato comunque aumenti importanti. Nel caso dell'India, si sono registrati 259 visitatori, con un aumento del 121%; Singapore, un totale de 36 partecipanti, per un aumento del 140%, e la Cina, un 70% in più, con 167 partecipanti.
Fruit Attraction ha offerto ai partecipanti una piattaforma di promozione ed espansione a livello internazionale con il Programa de Invitados Internacionales, che ha portato a Madrid 1.015 grandi acquirenti, responsabili di acquisto al dettaglio, importatori e grossisti di 86 paesi.
 

I numeri della fiera

Come nelle passate edizioni, l'apertura della fiera da martedì a giovedì è stato un successo indiscutibile, aspetto che si è tradotto in un aumento di visitatori tutti i giorni della fiera: la distribuzione giornaliera dei visitatori è stata del 32% del totale il primo giorno, del 48% il secondo e del 19% il terzo.

La partecipazione internazionale degli espositori è stata il 42% del totale, con 750 aziende straniere di 58 paesi, con la rilevante presenza dell'Europa, l'89% del totale, provenienti in particolare da Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Grecia, Belgio e Regno Unito, cui si aggiunge l'aumento della partecipazione del continente americano, di paesi come Ecuador, Brasile, Stati Uniti, Messico, Perù e Argentina, e di Africa, Egitto, Kenya e Marocco.

A livello nazionale, Fruit Attraction 2019 ha potuto contare sulla presenza di imprese di tutte le aree produttive della Spagna. Un totale di 1.020 imprese, il cui successo deriva principalmente dal grande interesse della produzione ortofrutticola spagnola nella commercializzazione internazionale, proprio in un mese chiave per la pianificazione della campagne.

Ancora una volta, lo spazio espositivo destinato ai produttori, Fresh Produce, è stato il segmento che ha registrato il più alto numero di partecipanti raggiungendo il 71,5%. Anche l'industria ausiliaria ha avuto un peso significativo, 25,5%, dati che mostrano tutta la forza della filiera ortofrutticola. A ciò si aggiunge Flower&Garden Attraction, con il 2%, e Nuts Hub, con l'1%, dimostrando la specializzazione delle fiera e la sua verticalità.
 

Le aree

In questa occasione, la Fiera ha potenziato aree come Ecorganic Market, area specializzata per la commercializzazione e l'esportazione di prodotti organici, così come Smart Agro, dedicato all'applicazione di nuove tecnologie. Dall'altro lato, The Innovation Hub e il Foro Innova sono state aree dedicate all'innovazione e alle novità commerciali del settore.

In questo ambito, la fiera ha ospitato i Premios Accelera a la Innovación y el Emprendimiento, che sono stati assegnati alle società Rijk Zwaan, con il prodotto Spicy Sparkle, un nuovo ortaggio a foglia che è una via di mezzo tra la rucola a e il soncino, e Alhondiga La Union, con WeCarePack, un imballaggio biocompostabile per mantenere la qualità di frutti e ortaggi ottenuto attraverso i rifiuti vegetali.
 

Gli eventi

Un programma completo di giornate dedicate ha fatto di Fruit Attraction il centro di competenza del settore, con sessioni all'insegna di una grande diversità di contenuti e con partecipati e relatori di alto livello. Si sono tenuti stati celebrati il World Fresh Forum, il Biofruit Congress; la giornata Awm (Agriwater Management); Technology Attraction, o conferenze come El Brexit en el sector de frutas y hortalizas: visión España - Reino Unido.

Anche quest'anno la Fiera ha facilitato la raccolta di frutta e verdura degli espositori per il Banco de Alimentos de Madrid, che ha potuto raccogliere 40mila chili di prodotti ortofrutticoli.

Il prossimo appuntamento con Fruit Attraction sarà dal 20 al 22 ottobre 2020Ifema.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.329 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner