Pomodoro da mensa 2018, la linea proposta da Biogard

L'azienda propone una gamma completa di soluzioni innovative e a basso impatto ambientale in accordo con le attuali direttive in materia di agricoltura sostenibile

Info aziende
pomodori-pomodoro-by-umbertoleporini-fotolia-750x501.jpeg

Attualmente il principale fitofago della coltura è rappresentato dalla tignola del pomodoro
Fonte foto: © umberto leporini - Fotolia

Il pomodoro da mensa è largamente coltivato in Italia, da Nord a Sud, con problematiche fitosanitarie che variano nei diversi areali soggetti a diverse condizioni climatiche.

Biogard®, divisione di Cbc Europe srl, propone per la difesa di questa solanacea una linea completa di soluzioni innovative ed a basso impatto ambientale in accordo con le attuali direttive in materia di agricoltura sostenibile.
Alla luce delle recenti limitazioni di numerose molecole chimiche, le soluzioni tecniche proposte da Biogard® possono essere concepite come la nuova frontiera della difesa fitosanitaria.

Attualmente il principale fitofago della coltura è rappresentato dalla tignola del pomodoro (Tuta absoluta), le cui larve si sviluppano a carico sia delle foglie che dei frutti.

Biogard® offre ai coltivatori soluzioni innovative per il controllo di questo fitofago: Isonet® T (diffusore Shin-Etsu per la confusione sessuale), NeemAzal®-T/S (insetticida a base di azadiractina A), Lepinox® Plus e Rapax® AS (insetticidi a base di Bacillus thuringiensis kurstakiceppo EG 2348) e Roll Black, il nuovo rotolo adesivo di colore nero per il monitoraggio e la cattura massale degli adulti di Tuta absoluta.

La confusione sessuale a marchio Isonet® T si avvale di diffusori a singolo capillare che devono essere installati prima del trapianto della coltura, posizionando i diffusori sui fili di sostegno orizzontali. In relazione all'epoca di trapianto (invernale o estiva) occorre programmare 1 o 2 applicazioni, in base alla lunghezza del ciclo colturale e della durata di erogazione, che va da 90-100 giorni durante l'estate a 150-160 giorni durante il periodo invernale. Questa tecnica si adatta bene a serre con aperture sul colmo e/o laterali alte almeno 1 metro da terra. Non va utilizzata in serre con apertura laterale che arriva fino al terreno.
 
Confezione di Isonet T

La confusione sessuale come mezzo preventivo può essere o meno sufficiente per la gestione della problematica in funzione del livello di popolazione e della gestione della serra (reti anti–insetto, eliminazione dei residui colturali ecc.); in caso di forte pressione si può integrare con trattamenti di NeemAzal® T/S alternati o in miscela a trattamenti con Lepinox® Plus o Rapax® AS, quando si vuole ridurre al minimo il numero di residui sulla produzione.
 
Confezione di Neemazal e Rapax

Le nottue rappresentano un importante gruppo di fitofagi del pomodoro. Per il loro controllo Biogard® dispone di specifici insetticidi-larvicidi da impiegare durante la fase di schiusura delle uova: Helicovex® (a base di NucleoPoliedroVirus - HearNPV - specifico per la nottua gialla Helicoverpa armigera) e Littovir® (a base di NucleoPoliedroVirus - SpliNPV - specifico per la nottua mediterranea Spodoptera littoralis), nonché i due Bt menzionati per la lotta alla tignola, quando si renda necessario allargare lo spettro di azione contemporaneamente su più specie di lepidotteri.

I nematodi galligeni con la loro attività a livello radicale possono compromettere l'esito del ciclo colturale del pomodoro. NEMguard® granules e NEMguard® SC sono prodotti a base di estratto di aglio regolarmente registrati e rappresentano la risposta di Biogard® a questo problema. Si consiglia l'impiego di NEMguard® granules in forma granulare interrato in pre-trapianto e NEMguard SC in sospensione concentrata per impiego in manichetta durante il ciclo di coltivazione con un turno di 10-14 giorni.
 
Confezione di Nemguard

La proposta di Biogard® per la difesa del pomodoro si compone di un pacchetto unico in Italia di mezzi innovativi, efficaci e a basso impatto ambientale, che può fornire la possibilità di un nuovo approccio al contenimento delle avversità e che consenta ai tecnici di aumentare le possibilità operative, al fine di ottenere risultati soddisfacenti.