In viaggio nell'olivicoltura campana

Flumeri (Av), 31 marzo 2010 ore 9:00. Un convegno su rintracciabilità di filiera, qualità e impatto ambientale in Irpinia

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

associazione-provinciale-produttori-olivicoli-appoi-logo.jpg

Il logo dell'Appoi, associazione promotrice del convegno

La crescente concorrenza internazionale, le modifiche delle normative comunitarie, le innovazioni che riguardano tematiche quali il miglioramento della qualità dell'olio, la tutela dell'ambiente e la rintracciabilità della filiera stanno modificando il panorama olivicolo italiano.

A partire da questi temi prende il via il programma di attività della 1° edizione 'In viaggio nell'olivicoltura campana', promosso dall'Associazione provinciale produttori olivicoli irpini in collaborazione con il Consorzio Verde Campania, la Coldiretti campana, l'Unione nazionale associazioni produttori olivicoli  e l'Agenzia per le erogazioni in agricoltura con il finanziamento dell'Unione Europea e del Governo italiano.

Scopo del convegno è promovere il confronto e l'informazione fra tutti i soggetti appartenenti alla filiera per dibattere sulle problematiche economiche, produttive e tecniche del sistema olivicolo campano anche in vista della neo costituita Dop Irpinia Colline dell'Ufita, che darà un'impronta significativa a tutta l'olivicoltura irpina.

Appuntamento alle ore 9:00 a Flumeri, all'azienda agrituristica Petrilli, in Via Scampata.

Per informazioni: Associazione provinciale produttori olivicoli irpini, tel. 0825 781140, appoi1101@libero.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.617 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner