Eima Desk, cronaca di un successo annunciato

Nei primi quattro giorni della rassegna sono stati più di mille i visitatori dello spazio "Officina revisioni-live", dove tecnici qualificati hanno illustrato gli interventi per la messa a norma delle trattrici obsolete

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

eima-2016-eima-desk-fonte-pagina-facebook-eima.jpg

Bilancio positivo per Eima Desk
Fonte foto: © Eima 2016 - Facebook

E' stata un grande successo l'area dell'"Officina revisioni-live" dove tecnici e personale qualificato hanno illustrato le procedure e gli elementi chiave intorno ai quali vertono le verifiche tecniche per la revisione delle trattrici.
Allestita nel padiglione "Eima Desk, Formazione & sicurezza", uno spazio dedicato alle attività divulgative e "di sportello" che nasce dalla collaborazione tra FederUnacoma e Unacma (Unione nazionale commercianti macchine agricole), l'Officina revisioni-live è stata visitata, nei primi quattro giorni della kermesse, da ben mille persone, tra agricoltori, operatori e addetti ai lavori. 

D'altro canto, quello della revisione obbligatoria delle macchine agricole, scattata il 30 giugno 2016 e che dovrebbe divenire operativa a breve con il varo dei decreti attuativi, è uno dei temi forti di Eima International.
"Il nostro parco trattrici è composto da 1,6 milioni di mezzi obsoleti, con età superiore ai venti anni. Di questi - spiega Domenico Papaleo, dell'Ufficio tecnico di FederUnacoma - ben 700mila sono sprovviste del dispositivo di protezione Rops che in caso di ribaltamento della trattrice può salvare la vita dell'operatore prevenendo lo schiacciamento, una delle cause di morte più frequenti in agricoltura"

Il Rops, tuttavia, non è l'unico intervento di messa a norma richiesto per il superamento della revisione, la quale prevede, tra gli altri, controlli accurati sulla dimensione e sull'usura degli pneumatici; sul campo di visibilità, con l'assenza di eventuali zone coperte alla vista; sulla presenza di protezioni nelle parti calde della macchina e nelle parti in movimento.
Grande attenzione poi, in fase di revisione, agli organi di sterzo, all'impianto di illuminazione e alle emissioni gassose delle macchine.
Insomma, i tecnici hanno spiegato agli operatori, con semplicità e immediatezza, quali "ritocchi" apportare alle trattrici per essere in regola con le proprie macchine agricole e per evitare le multe previste in caso di mancato adempimento. 

Ma la sicurezza non è l'unico focus previsto nell'area dell'Eima Desk che, oltre a dedicare ampio spazio ai servizi di consulenza, sugli incentivi Inail, ad esempio, ha visto in primo piano gli incontri formativi del progetto Mech@griJobs, promossi da Unacma.
Organizzati con lo scopo di divulgare presso gli studenti delle scuole superiori la conoscenza della meccanica agricola, e di illustrare i profili professionali e le opportunità di lavoro oggi offerte dalla filiera, le sessioni formative hanno coinvolto nelle prime quattro giornate della rassegna oltre 600 ragazzi.

E sempre nello spazio Eima Desk, pieno successo hanno avuto anche i corsi per il conseguimento del patentino trattori, organizzati da FederUnacoma in collaborazione con Ancor, ai quali hanno preso parte ben 220 operatori, che hanno così approfittato della visita all'Eima per mettersi in regola con il nuovo adempimento.
 
Nei video che seguono, il commento del presidente di Unacma, Roberto Rinaldin, e il video reportage realizzato durante il Climmar Congress dove era stato presentato il progetto dedicato a EIMA Desk:
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.518 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner