Campania, sì del Mipaaf alle modifiche dei disciplinari dei tre vini Docg dell'Irpinia

Novità in arrivo per Taurasi, Fiano di Avellino e Greco di Tufo, ma solo nelle etichette: via le diciture di rosso al primo e di bianco ai secondi. Si aggiungono invece altre menzioni per favorire le politiche di marketing

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

botti-vino-by-gzikry-adobe-stock-750x500.jpeg

Coldiretti Avellino sottolinea l'importanza delle modifiche ai disciplinari di produzione
Fonte foto: © gzikry - Adobe Stock

Novità in arrivo per i tre gloriosi vini monovitigno a Denominazione di origine controllata e garantita della Campania, tutti rigorosamente prodotti in provincia di Avellino. "L'Irpinia consolida la sua vocazione di territorio vocato ai grandi vini grazie al primo via libera alle richieste di modifica del disciplinare delle Docg". È il commento di Francesco Acampora, presidente di Coldiretti Avellino, all'accoglimento da parte del ministero delle Politiche agricole, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, delle proposte fortemente caldeggiate da Coldiretti anche sul piano nazionale e sostenute dal Consorzio di tutela vini d'Irpinia e dalla Regione Campania.

Per il Taurasi Docg - ottenuto con le uve di Aglianico della tipica zona di produzione irpina - è stato chiesto di eliminare l'aggettivo "rosso" anche per il Riserva, vista la notorietà raggiunta sul mercato dal vitigno di Aglianico, che si presenta solo a bacca rossa, e l'inserimento della menzione "vigna", attesa la necessità di molti produttori di indicare gli areali cru.

Per gli stessi motivi per il Fiano di Avellino Docg è stato chiesto l'inserimento della nuova tipologia "Riserva" e di eliminare la dicitura "vino bianco" dopo il nome della denominazione. È stato chiesto l'inserimento del periodo minimo di invecchiamento per la tipologia "Riserva" e la data da cui decorre tale periodo. Infine, per quanto riguarda il sapore, è stato chiesto di adoperare il termine "secco", oltre alle caratteristiche al consumo per la nuova tipologia "Riserva".

Per il Greco di Tufo Docg è stato chiesto di eliminare l'aggettivo "bianco" e di inserire le nuove tipologie: "Greco di Tufo riserva" e "Greco di Tufo Spumante riserva". Anche in questo caso con l'inserimento del periodo minimo di invecchiamento per la tipologia riserva, oltre all'inserimento delle caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche. Per la tipologia "Spumante" vengono ampliate le tipologie zuccherine previste, nelle caratteristiche al sapore, portando il limite massimo alla tipologia "extradry". Infine, viene accolta la possibilità dell'irrigazione di soccorso.

"Coldiretti Avellino - sottolinea il presidente Acampora - è convinta che queste modifiche spingeranno la qualità della produzione, sostenendo il marketing delle aziende vitivinicole e rafforzando il racconto del terroir d'Irpinia. Un valore immateriale che dobbiamo difendere strenuamente, soprattutto in questo momento difficile, e per il quale Coldiretti ha voluto la nascita del Distretto di qualità vini d'Irpinia".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Coldiretti Campania

Autore:

Tag: prodotti tipici vino vitivinicoltura marchi di tutela

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.720 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner