Xylella, autorizzazioni ai reimpianti in zona infetta all'ultimo atto

Pubblicate le determinazioni dell'Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia che recepisce il parere favorevole del Comitato fitosanitario nazionale alla definizione delle cultivar di olivo Leccino e Favolosa come resistenti al batterio

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750.jpeg

La relazione del Cnr al Comitato fitosanitario nazionale in tema aveva avuto il parere favorevole già lo scorso 14 marzo
Fonte foto: © Enrico Rovelli - Fotolia

In Puglia, nella zona infetta dalla Xylella fastidiosa, ad eccezione della fascia di 20 chilometri verso Nord, dove si applicano le misure di contenimento, sarà privilegiato l’impianto di olivi di cultivar Leccino ed FS17 (Favolosa) “Perché risultate resistenti a Xylella fastidiosa subspecie paucae di specie vegetali arboree di interesse agrario quali vite, agrumi, albicocco, susino, pesco e percoco perché “risultate immuni a Xylella fastidiosa subspecie pauca, il tutto a seguito “delle attività di ricerca del Consiglio nazionale per le ricerchevalidate dal Comitato fitosanitario nazionale. E’ quanto riportato dalla Determinazione del dirigente della sezione Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia del 17 maggio 2018, n 280 che sana un errore di trascrizione sulle specie ammesse della precedente determinazione del 4 maggio scorso, la n 274.

Si tratta dell’ultimo atto del lungo iter avviato con la modifica della Decisione di esecuzione Ue 789/2015, che grazie all’analogo provvedimento 2352/2017 ha disposto la deroga al divieto di impianto di specie ospiti nelle zone infette, esclusa la fascia di 20 chilometri dove si attuano le misure di contenimento, sulla base di specifiche autorizzazioni che privilegino le piante ospiti appartenenti a varietà considerate tolleranti/resistenti alla Xylella.

Si sbloccano così definitivamente gli investimenti per la zona infetta, legati anche ad importanti cofinanziamenti del Piano di sviluppo rurale Puglia 2014-2020, pari a 45 milioni di euro. Sulla misura 5.2 del Psr per il ripristino del potenziale produttivo danneggiato da calamità, sono appostati ben 10 milioni di euro. Mentre sulla misura 4.1.C ci sono altri 35 milioni di euro di cofinanziamenti degli investimenti nell'olivicoltura, dedicati proprio alla zona infetta del Salento.

L'iter prende le mosse dal Decreto ministeriale n 4999 del 13 febbraio 2018 (detto Decreto Martina) di recepimento della decisione 2352/2017, che aveva disposto che il Servizio fitosanitario regionale, “qualora decida di concedere le autorizzazioni al reimpianto di specie ospiti in zona infetta, privilegia le piante ospiti del batterio appartenenti a varietà che il Comitato fitosanitario nazionale ha dichiarato resistenti o tolleranti all’organismo specificato”.

Il 12 marzo 2018, il Cnr aveva presentato proprio al Comitato fitosanitario nazionale una sintesi delle diverse attività di ricerca finalizzate all’identificazione di specie immuni, tolleranti e resistenti alla Xylella fastidiosa sottospecie pauca per olivo, prunus, vite e agrumi. In particolare, per l’olivo sono state individuate, sulla base delle indagini diagnostiche e dell’attività sperimentale condotte, due varietà di olivo definite resistenti: Leccino e FS17, “Pur precisando –è scritto nella determinazione dirigenziale del 4 maggio – che non si hanno ancora a disposizione dati riferiti al lungo periodo sia in termini di tenuta delle resistenza nel tempo e sia in termini di produttività”.

Il Cnr, nel documento presentato al Comitato fitosanitario nazionale, ha inoltre confermato che le varietà di vite, agrumi, albicocco susino pesco e percoco, esposte sia a inoculazione meccanica del batterio che ad infezione tramite adulti di cicalina sputacchina, infetti, hanno dato sempre esito diagnostico negativo, risultando immuni alla Xylella fastidiosa sottospecie pauca. Tali risultanze scientifiche sono state presentate dal Cnr al Comitato fitosanitario nazionale che nella seduta del 14 marzo 2018 ha espresso parere favorevole in merito al riconoscimento della resistenza al batterio per le varietà di olivo Leccino ed FS17 ai sensi dell’articolo 8, comma 2 del Decreto Martina.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: difesa olivicoltura Xylella fastidiosa politica agricola

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.745 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner