Il Franciacorta punta su estero, bio e territorio

Il neo presidente Vittorio Moretti sugli obiettivi del Consorzio: "La Franciacorta deve crescere e farsi conoscere". Guarda la videointervista

Barbara Righini di Barbara Righini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vino-franciacorta-cantina-fabio-cattabiani-fonte-consorzio.jpg

Franciacorta, il presidente Moretti: 'L'estero dovrà pesare per il 40%'

Aveva già dichiarato che continuerà sulle linee del suo predecessore ma ora dettaglia i progetti per il Consorzio: Vittorio Moretti, neo presidente del Franciacorta, arrivato al vertice poco più di un mese fa, è fiero dei risultati 2015. Sono state vendute 16,5 milioni di bottiglie, di cui 1,5 milioni all'estero. L'anno che si è appena chiuso ha visto un incremento di vendite del 7,1% in Italia e del 7,5% all'estero.

Vogliamo sviluppare il territorio – ha detto il neo presidente – attraverso la promozione. La Franciacorta deve crescere e farsi conoscere attraverso il turismo, anche per dare spazio alle piccole aziende. Lo faremo attraverso un festival già programmato per questa estate e attraverso una serie di eventi ancora da organizzare, questo è il progetto”.
 

E' all'estero che punta il Consorzio, al momento pesa solo per poco più del 9% ma “vogliamo arrivare almeno al 40%”.
Il potenziale del Consorzio è di 30 milioni di bottiglie ma per poter raggiungere tale risultato bisogna sviluppare proprio l'estero.
Il Giappone va molto bene ma ancora deve crescere. Vogliamo svilupparci nel sud e sud-est asiatico. Ci sono poi gli Stati Uniti che sono il più grande mercato al mondo e non vanno ignorati. Per l'Europa, siamo consapevoli che non ci sono grandi potenzialità di crescita”.

Nel 2015 il Giappone è cresciuto del 19% rispetto al 2014 e vale ora il 22% dell'export. A seguire Svizzera e Stati Uniti con il 14%. Gli Usa nel 2015 hanno segnato un +16%. Per quanto riguarda l'Italia, il mercato del Franciacorta è molto concentrato sul nord, ma nel 2015 la Toscana e la Puglia sono cresciute del 18.5%.

E per quanto riguarda il bio. La tendenza mondiale mostra che c'è gradimento, nel 2014 (ultimi dati disponibili) i vigneti biologici era 275mila ettari.
Al momento il bio conta per il 40% - ha detto ancora Moretti - ma molte aziende si stanno certificando. Dovremmo arrivare in poco tempo al 70-80% di bio in Franciacorta”.
 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino import/export interviste spumante marchi di tutela

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.641 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner