Xylella, primo caso in Corsica

Il batterio è stato rilevato su una pianta di mirto: la notizia è stata confermata da Parigi. Ad Ajaccio parte il piano per delimitare il focolaio di Propriano

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

xylella-fastidiosa-fonte-eppo.jpg

Olivo colpito da Xylella fastidiosa; ora l'attenzione si sposta anche sul mirto, colpito in Corsica
Fonte foto: © Eppo - European and Mediterranean Plant Protection Organization

Trema la Sardegna: la Xyella fastidiosa è ad un passo dagli oliveti e dai mirti dell’Isola. Perché un primo caso di infezione dal batterio in natura è stato rilevato nel sud della Corsica in foglie di mirto: lo ha annunciato il ministero dell'Agricoltura francese la scorsa settimana.

“La presenza del batterio killer degli ulivi in Italia è stata rilevata in un cespuglio di mirto ai margini di una zona artigianale della città di Propriano (sud della Corsica) - ha detto il ministero, aggiungendo - le autorità sanitarie dell'isola hanno in programma di definire un piano di lotta fitopatologica.” Nel porto di Propriano c'è un servizio marittimo di linea che collega il comune francese con Porto Torres, in Sardegna.

In un comunicato stampa la prefettura di Ajaccio ha spiegato che il batterio Xylella fastidiosa "E’ stato identificato in Corsica del Sud nelle piante di mirto Poligala (Polygala myrtifolia), in una zona artigianale della città di Propriano". 
Il batterio era già stato rilevato a metà aprile in Francia, a Rungis, mercato all'ingrosso nella regione di Parigi, che era stato isolato immediatamente, in una pianta di caffè ornamentale proveniente dal Centro America.

Questa volta, il caso di Xylella fastidiosa è stato scoperto in natura. "La pianta sospetta è stata rilevata a seguito di un rafforzamento delle misure di controllo attuate da parte dello Stato a partire dalla metà del 2014 per impedire l'introduzione di tale organismo – recita il comunicato della prefettura di Ajaccio, che aggiunge - in questo contesto, i prelievi vengono effettuati di routine, e finora gli esiti delle analisi erano stati negativi, ma un campione analizzato il 20 luglio ha dato esito positivo".
Dalla prefettura di Ajaccio avvertono “E’ operativo il primo piano di emergenza con tutte le misure da attuare immediatamente per delimitare il focolaio di Propriano”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: olivicoltura Xylella fastidiosa

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.571 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner