Mal dell'esca: il monitoraggio nazionale con 4Grapes®

Ogni azienda viticola può contribuire a trovare una soluzione ed essere sempre aggiornata, grazie all'iniziativa di Unione italiana vini, Università degli Studi di Firenze, Cnr e Perleuve

vigneti-vigneto-vigne-vigna-by-luckybusiness-adobe-stock-750x311.jpeg

L'app 4Grapes contiene un contatore dei sei diversi sintomi che il complesso dell'esca può manifestare nel vigneto
Fonte foto: © luckybusiness - Adobe Stock

Sempre più vigneti italiani vengono colpiti dal mal dell'esca. Il danno produttivo, qualitativo e economico è molto più grave di quanto ci si possa immaginare. Unione italiana vini, assieme all'Università degli Studi di Firenze, il Consiglio nazionale delle ricerche, la società Perleuve e l'app 4Grapes hanno iniziato una collaborazione per trovare una soluzione e aumentare la conoscenza sul mal dell'esca attraverso il monitoraggio nazionale che vuole coinvolgere il maggior numero di aziende. 
 
Il mal dell'esca è una grave malattia con una presenza media negli ultimi cinque anni nei vigneti italiani del 3,2% e del 4,5% nel 2020 e causa un danno economico di 3.200 euro/ha/anno
 
Laura Mugnai (Unifi) e Stefano di Marco (Cnr), esperti nazionale e internazionale del mal dell'esca, sostengono che sia necessario raggiungere il maggior numero di vigneti in diverse zone d'Italia perché questo diventi la base su cui fare ricerca scientifica. 
 
Questo sarà il primo monitoraggio diffuso con una partecipazione nazionale, nonché esempio internazionale di come un'azienda viticola possa contribuire alla ricerca per trovare una soluzione a un problema. 
 
Il monitoraggio verrà realizzato attraverso l'app 4Grapes che contiene un contatore dei sei diversi sintomi che il complesso dell'esca può manifestare nel vigneto e ha ricevuto l'approvazione di Unifi e Cnr.

Come possono le aziende viticole contribuire alla ricerca?

Compilando il questionario di Unione italiana vini

Scaricando l'app 4Grapes che acconsentirà di iniziare il monitoraggio

Perché partecipare?
1. Per ricevere informazioni dirette su come affrontare il mal dell'esca 
2. Per contribuire alla ricerca italiana sul mal dell'esca 
3. Per ricevere in anteprima aggiornamenti riguardo la propria situazione  
4. Per essere aggiornati sugli studi scientifici
 
Per ulteriori informazioni:
Erica Marognae.marogna@uiv.it (3442722613)
Giovanni Bigot: giovanni@perleuve.it (34923780869)

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.854 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner