Fattoria Mantellassi... 'labor omnia vincit'

I Viaggi del Fantic - Un motto che riconferma la sua validità nella tenacia e nell'attaccamento al lavoro dei proprietari della Fattoria Mantellassi in Magliano in Toscana

Contenuto promosso da Sumitomo Chemical Italia :: Sumitomo Chemical Italia - Siapa
Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fattoria-mantellassi-viaggi-fantic-morellino-scansano-vigneti.jpg

Una veduta dei vigneti della Fattoria Mantellassi
Fonte foto: Isagro Italia - I Viaggi del Fantic

Dall'Umbria entriamo in Toscana, regione dove ad ogni passo si inciampa nel Sangiovese, proteiforme nume della vitivinicoltura regionale. Qui incontriamo i Mantellassi.

La loro storia nella zona di Scansano e Magliano in provincia di Grosseto, inizia attorno al 1860 quando si trasferirono da Pistoia per esercitare il mestiere di 'potini' e 'innestini'. Poi affondano le radici dei loro primi vigneti in località Banditaccia dove veniamo accolti dalla forte stretta delle mani di Aleardo Mantellassi che assieme al fratello Giuseppe dirige personalmente tutti i settori dell'azienda.

 

La loro storia si innesta su quella del Morellino, legata alle colline dell'entroterra della Maremma che si prestano fin dai tempi degli Etruschi alla coltivazione della vite. Con una piovosità costante concentrata tra l'autunno e la primavera, con le colline che lasciano filtrare il tepore dei venti marini, le condizioni per la maturazione delle uve nei terreni di natura tufaceo-calcarea della Fattoria sono le migliori. E proprio la Fattoria Mantellassi ha contribuito in modo determinante a questa felice storia che culmina nella DOC del Morellino di Scansano nel 1978 (dalla vendemmia 2007 DOCG).

Questo vino nasce spontaneamente dalla combinazione dei vitigni che venivano coltivati in zona. L'uvaggio era composto per l'85% da Sangiovese, a cui poi si aggiungevano Montepulciano, Lanaiolo, Tinto di Spagna, e su questa base si è stabilito il disciplinare per la DOC. Era un vino che Enzo Mantellassi descriveva come '... mediamente alcolico con un bel coloro rosso rubino non tanto profumato, ma con un buon sapore pieno...'

 

Oggi nei 215 ettari di cui 60 vitati della Fattoria Mantellassi ritroviamo quelle radici che partono dall'anima di Sangiovese attorniata da vitigni come Alicante, Cabernet Sauvignon, Morellino, Melot, Canaiolo Nero, Malvasia Nera, Ciliegiolo, Vermentino Bianco, Sauvignon Bianco. 

 

L'articolo continua sotto la foto della Fattoria Mantellassi

Fattoria Mantellassi - Viaggi del Fantic

I vini di punta della Fattoria Mantellassi sono costituti ovviamente dal Morellino DOCG in cui ritroviamo un 85% di base Sangiovese e altri vitigni a bacca nera, non aromatici, idonei alla coltivazione nella regione Toscana, come recita il disciplinare.

 

La Fattoria Mantellassi propone un carnet di diverse etichette di Morellino di Scansano DOCG che partendo dal 'Mentore' in cui ritroviamo Cabernet Savignon e Canaiolo Nero con maturazione e affinamento in vasche di acciaio e alcuni mesi di bottiglia, passa al 'San Giuseppe' con maturazione e affinamento di sei mesi in piccole botti e alcuni mesi in bottiglia. Infine si arriva a 'Le Sentinelle' in cui il Cabernet Sauvignon e il Canaiolo Nero sono sostituiti dal vitigno Alicante con 20 mesi in barriques di rovere francese ed alcuni mesi in bottiglia.

 

Le etichette proposte sono tante e tra queste 'Querciaiola' a base di Alicante 100%, uno dei primi vitigni impiantati nell'azienda e coltivato in un appezzamento di 2,5 ettari con produzione di 50 q.li di uva per ettaro, 15 mesi in barriques ed alcuni mesi in bottiglia prima della commercializzazione. Tra i bianchi il fresco e fruttato 'Lucumone' ottenuto da Vermentino Bianco 100% in onore degli antichi abitanti etruschi abili produttori di vino.

 

I Viaggi del Fantic

I Viaggi del FanticAbbiamo intrapreso un tour "virtuale", una serie di incontri con alcune interessanti realtà della produzione vitivinicola italiana, presentati da Isagro Italia.
Lo scopo è quello di seguire le linee di sviluppo della viticoltura nazionale legata alla produzione di vini di qualità, ed alla loro commercializzazione. Il percorso toccherà numerose aree viticole italiane, dalle pendici delle Alpi fino a Pantelleria. Nelle puntate precedenti, disponibili nell'archivio de 'I Viaggi del Fantic', il tour è iniziato in Sicilia, per risalire fino alla valle del Caffaro, ai confini tra la provincia di Brescia e di Trento.

Toccheremo aziende di dimensioni e caratteristiche molto diverse con l'intento di vedere in quali modi un settore d'avanguardia come quello della nostra produzione vinicola si stia adeguando alle modifiche del mercato e come la competitività internazionale stia plasmando la nostra maglia aziendale.

Fantic è un marchio registrato da Isagro Italia.

Scopri i formulati disponibili su Isagro-Italia.it - sezione Fungicidi!

Fonte: Isagro Italia

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.668 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner