Sfoggia mette alla prova Elektra con il microdiserbo

Presentata alla scorsa Agritechnica, la seminatrice monogerme elettro-pneumatica si pone l'obiettivo di ridurre l'uso di erbicidi fino al 90 per cento

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

elektra.jpg

seminatrice pneumatica Elektra di Sfoggia
Fonte foto: Sfoggia

Ridurre del 90 per cento l'uso di erbicidi sulla coltura del mais.
Con questo obiettivo, Sfoggia Agriculture Division ha partecipato, in collaborazione con l'università di Padova, a un innovativo progetto pensato da Bin Oddino, tecnico del Consorzio provinciale per la difesa delle attività agricole dalle avversità di Treviso.

Per attestare la validità del sistema volto a ridurre l'uso di erbicidi, è stata impiegata una seminatrice monogerme elettro-pneumatica Elektra dotata di un innovativo kit per il microdiserbo.

Per le prove, svolte negli appezzamenti di alcune aziende agricole nell’area di Treviso-Venezia, è stata utilizzata una versione a 6 file con interfila di 75 centimetri, dotata di localizzatori di prodotto diserbante su banda di 7-8 centimetri, associata a una trattrice con sistema di guida satellitare.
Ciò, in fase di semina, ha consentito di memorizzare il percorso per poterlo ripetere in fase di sarchiatura con concimazione localizzata, portando gli organi lavoranti della sarchiatrice a meno di 3 centimetri dalla fila di mais.


 
Il vantaggio immediato, oltre alla salvaguardia e al rispetto ambientale, si traduce in termini di riduzione dei tempi di lavorazione e dei costi di produzione.

La seminatrice Elektra, messa a disposizione da Sfoggia Agriculture Division per la realizzazione del progetto, ha vinto il premio Innovazione Tecnica ad Eima 2014.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.949 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner