Solide fuori, tenere dentro

Le rotopresse a camera variabile di Gallignani permettono la formazione di balle aventi densità interne differenti, a seconda delle caratteristiche del prodotto e delle sue esigenze di conservazione

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

gallignani-serie-gav.jpg

Le GAV di Gallignani

"V", non come "Vendetta", ma come "Variabile". Una gamma completa di rotopresse a camera variabile, quella di Gallignani, sviluppata per soddisfare le molteplici esigenze degli operatori professionali del settore della raccolta.

Che si tratti di aziende agricole o che si parli di contoterzisti, la grande versatilità e l’alta tecnologia dei modelli Gallignani, permettono di lavorare con grande flessibilità sia su prodotti secchi, sia su quelli umidi. La robustezza e la solidità progettuale e di materiali delle rotopresse di Gallgnani consentono infatti di operare anche nelle condizioni di campo più gravose.

Grazie alle diverse soluzioni tecniche specifiche, chi raccoglie può così contare anche su finestre temporali di raccolta più ampie. Dove altre macchine devono fermarsi, o non possono ancora procedere, le GA V di Gallignani sono infatti già in grado di lavorare.

La serie GA V mostra un alto livello di modularità e può essere configurata in modo funzionale alle più disparate esigenze operative, offrendo una vasta gamma di versioni con caratteristiche a misura di prodotto.

 

Cinque gamme, molte più soluzioni

 

Cinque gamme a cinghie e rulli per coprire le diverse esigenze operative aziendali, dalle piccole e medie superfici, fino alle necessità di performance tipiche del contoterzismo. La "entry level" è la GAV6 "Farmer", la quale con la "Industry" e la "Profi" producono balle dai diametri compresi tra i 60 e i 165 cm. La serie GAV8 sale a 180 cm mentre la GAV9, nelle versioni "Industry" e "Profi", sale fino a 200 cm di diametro. In queste ultime versioni - come anche nelle GAV6 Profi e Industry - la selezione della densità generale della balla avviene tramite la centralina di bordo.

Oltre a questa funzione, la balla può essere formata con tre diverse aree di densità, tutte selezionabili agevolmente dall’operatore, il quale può così ottenere un risultato finale ottimale sia quando è necessaria la conservazione perfetta dei foraggi, compresi i prodotti destinati a impianti di essiccazione, sia quando è richiesto il massimo peso della balla, come nel caso della paglia.

Caratteristica comune delle rotopresse a camera variabile è la camera di compressione con sistema a cinghie e rulli. I rulli si trovano nella parte frontale della camera di compressione e ruotano a contatto con il prodotto favorendo la formazione iniziale della balla.

Cinque larghe cinghie scorrono affiancate, garantendo un sostegno ideale alla balla in formazione. Sulle GAV6 e GAV9, nelle versioni "Industry" e "profi", vengono montate cinghie di tipo “endless”, ovvero senza giunzioni, le quali garantiscono una maggiore durata e ridotte esigenze di manutenzione. Grazie infine ad un particolare dispositivo di pulizia dei rulli, brevettato da Gallignani e studiato per lavorare anche con prodotto verde, tutti i modelli della gamma dimostrano una grande adattabilità sui prodotti da insilare.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 195.867 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner