Eima Agrimach, l'India si conferma strategica per Cbm

Il gruppo modenese punta la sua produzione in India su sollevatori idraulici ed attacchi a tre punti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

eima-agrimach-india-2009.jpg

Uno stand di Eima Agrimach India 2009

L'India rappresenta una scelta vincente per Cbm Group, che oggi è presente in questo Paese con uno stabilimento, recentemente ampliato e modernizzato, a Ghaziabad a breve distanza da New Dehli.

Qui con attrezzature tecnologiche e specializzate vengono prodotti componenti strategici del trattore agricolo, quali sollevatori idraulici ed attacchi a tre punti.

Sono questi, infatti, i prodotti sui quali Cbm Group ha puntato la produzione indiana e che hanno riscosso un grande successo in questi anni, raccogliendo un totale apprezzamento da parte dei costruttori di trattori, che ne hanno percepito l'elevato standard qualitativo.

Il notevole interesse ottenuto in occasione di Eima Agrimach India, rassegna internazionale di macchine per l'agricoltura che si è svolta per la prima volta nello scorso mese di dicembre a New Dehli, è la conferma della strategia vincente di Cbm Group, che sull'India ha puntato una decina di anni fa. L'India rappresenta, infatti, un mercato molto interessante per il gruppo modenese, che è stato una delle prime realtà italiane ad intravvedere possibilità di sviluppo in quest'area dove l'agricoltura sta tuttora crescendo a ritmi sostenuti.

Uno dei principali punti di forza di Cbm Group è, infatti, la capacità di adeguare la propria produzione alle necessità degli specifici territori, mantenendo quello standard di qualità e di affidabilità caratteristico della produzione europea. Ciò è avvenuto anche in India dove oggi Cbm è presente con componenti ad elevato contenuto tecnologico e con un servizio flessibile a prezzi competitivi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.363 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner