Xylella, ridefinita la zona cuscinetto in Puglia

L'ampliamento è stato disposto nel raggio di 10 chilometri dal punto dove è stato ritrovato l'olivo infetto in agro di Monopoli, che ora rientra in zona cuscinetto con eccezione del focolaio puntiforme

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

olivo-oliveto-by-enrico-rovelli-fotolia-750.jpeg

La ridefinizione è contenuta nell'atto del dirigente della Sezione osservatorio fitosanitario n. 3 del 16 gennaio 2019
Fonte foto: © Enrico Rovelli - Fotolia

La Regione Puglia con la Determinazione del dirigente del Sezione osservatorio fitosanitario n. 3 del 16 gennaio 2019, a firma dell’ingegnere Giuseppe Tedeschi, ha disposto “Aggiornamento delle aree delimitate alla Xylella fastidiosa sottospecie Pauca ST53 di cui alla Dds 674/2018”. L'atto è integralmente visibile, con annessa cartografia e indicazione dei fogli di mappa, sul sito web ufficiale di Regione Puglia Emergenza Xylella.

Per effetto di tale determinazione presa “a seguito dell’individuazione del focolaio in agro di Monopoli (Bari) è conseguentemente ridefinita la zona cuscinetto posta a nord del focolaio estendendola con un raggio di 10 chilometri rispetto alla posizione dell’albero infetto”.

La precedente delimitazione, relativa alla Dsd 674/2018, che recepiva la Decisione di esecuzione (Ue) 2018/927 della Commissione del 27 giugno 2018, viene così modificata ed ampliata, con la zona cuscinetto che arriva ormai fino ad i comuni della provincia di Bari di Conversano e Polignano. Tale avanzata verso nord della delimitazione, porta con sé un ampliamento della zona infetta al focolaio puntiforme di Monopoli. Ecco il dettaglio.
 

Zona infetta

Nella zona infetta a Sud nulla cambia: Lecce e Brindisi sono investite per tutto il territorio provinciale, e così i 22 comuni della provincia di Taranto già delimitati lo scorso anno con la Dsd 674/2018. Per quanto attiene la provincia di Bari, al territorio del comune di Locorotondo si aggiunge parzialmente quello di Monopoli, interessato al focolaio puntiforme.
 

Zona di contenimento

In provincia di Bari è zona di contenimento Locorotondo, per l’intero territorio comunale; in provincia di Brindisi la zona comprende, per l’intero territorio i comuni di Fasano e Cisternino, mentre sono parzialmente interessati quelli di Ceglie e Ostuni. In provincia di Taranto la zona di contenimento riguarda per intero i comuni di Crispiano, Montemesola e Statte; mentre interessa parzialmente il territorio comunale di Grottaglie, Monteiasi, San Giorgio Ionico, Faggiano, Martina Franca, Leporano e Taranto.
 

Zona cuscinetto

Per tenere sotto controllo l'area e il vettore, la nuova zona cuscinetto è stata così rideterminata: Massafra (Ta) e Alberobello (Ba) vi ricadono per l'intero territorio comunale oltre a Monopoli (Ba), eccezion fatta per il punto ove è stato localizzato il focolaio. Vi ricadono poi parzialmente i comuni tarantini di Palagiano, Mottola e Massafra, oltre quelli baresi di Castellana Grotte, Conversano, Polignano, Putignano e Noci.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: Xylella fastidiosa fitopatie

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner