Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

La coltura dell'olio buono

Obiettivi, criticità e punti di forza della filiera olivicola, tra innovazione e sostenibilità. Se ne parlerà al convegno in programma il 24 marzo 2018 a Faenza (Ra) in occasione del Momevi

olio-extravergine-oliva-by-luigi-giordano-fotolia-750.jpeg

Presso la Sala Zanelli
Fonte foto: © Luigi Giordano - Fotolia

In occasione della Mostra meccanizzazione vitivinicoltura di Faenza (Ra) si terrà il convegno "Olivo, olio e salute".

Sabato 24 marzo 2018, dalle ore 9:30, presso la Sala Zanelli della Fiera di Faenza si parlerà del comparto olivicolo e della sostenibilità ambientale.

"Il convegno - spiega l'agronomo ed enologo Franco Spada - vorrà mettere in luce i punti di forza e di debolezza della filiera, in particolare gli aspetti qualitativi nutrizionali e salutistici dell'olio extra vergine d'oliva nell'ottica di divulgare sempre di più la cultura dell'olio buono".

L'incontro toccherà quindi tutte le tematiche del comparto che, come afferma Spada, "è in espansione con un forte rinnovamento verso un'olivicoltura sempre più assomigliante alla frutticoltura, con forte attenzione alle cultivar, ai sistemi di allevamento e alle tecnologie a basso impatto ambientale".

L'obiettivo è quello di dare voce agli operatori, ai ricercatori di tutta la filiera olivo/olio ponendo le basi per impostare un progetto di sviluppo moderno, attento alla sostenibilità ambientale, fattibile in territori climaticamente difficili per questa coltura agricola tipicamente mediterranea. Senza dimenticare redditività agli operatori e garanzia di qualità al consumatore

Un tema, questo della sostenibilità nell'olivicoltura, sul quale Spada afferma: "Già oggi, ma sempre di più nel futuro, non si potrà prescindere da processi colturali e di trasformazione che non tengono nella massima evidenza la sostenibilità ambientale. Nel caso degli olii certificati Dop, dove la filiera si svolge tutta all'interno di una zona geografica limitata, il concetto di sostenibilità ambientale è codificato e già oggi attuato e controllato; nel futuro con un aumento della sensibilità del cittadino consumatore tutto il mondo della produzione sarà ancora più attento in questa direzione".


Il programma

I saluti e l'apertura dei lavori saranno affidati a Mario Montanari della Regione Emilia Romagna e al presidente di Arpo Filippo Tramonti; moderatore sarà lo stesso Spada.

Seguirà poi Giovanni Nigro del Centro ricerche produzioni vegetali con un intervento intitolato "Recupero, salvaguardia e valorizzazione della biodiversità olivicola dell'Emilia Romagna" e durante il quale presenterà il nuovo progetto ammesso dalla Regione, nell'ambito del bando Psr misura 16.1.

Sugli aspetti agronomici e vivaistici parlerà, invece, l'agronoma Angela Canale. 
Marco Pancaldi, Elena Tura e Clara Contaldo
, del Centro attività vivaistiche, spiegheranno i percorsi di qualificazione genetico sanitaria del materiale vivaistico olivicolo italiano.
Dall'Università di Bologna Giovanni Lercker illustrerà le caratteristiche e proprietà degli oli ottenuti dalle olive mentre Francesca Danesi esporrà gli aspetti salutistici e nutrizionali.
Infine Farida Furini di Valoritalia laboratori parlerà di etichettatura e certificati.

Al termine del convegno si svolgerà una degustazione assaggio guidata dal panel romagnolo, Sara Barbieri, e dal panel Toscana, Farida Furini.

Per gli iscritti all'Ordine dei Dottori agronomi e dottori forestali della Provincia di Ravenna sono previsti crediti formativi.
Il convegno vale anche per l'aggiornamento professionale degli studenti del corso di laurea in Viticoltura ed enologia dell'Università di Bologna.

Scarica il programma completo 
 
Image Line sarà presente a Fiera Faenza al padiglione C

Fonte: Agronotizie

Autore: I C

Tag: convegni olio olivicoltura

Temi caldi: Momevi 2018

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner