UEcoop Lombardia, "noi abbiamo il coraggio delle idee e del cambiamento"

Si è tenuta a Milano, a Palazzo Lombardia, l'assemblea regionale dell'Unione promossa da Coldiretti che aggrega oltre quattromila cooperative e trecentomila soci

Michela Lugli di Michela Lugli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

relatori.jpg

Presentazione UEcoop presso la sede Regione Lombardia di Milano. In sala tra gli altri, Roberto Maroni presidente regione Lombardia e Sergio Marini presidente nazionale Coldiretti.
Fonte foto: Agronotizie

Lavoro, crisi, ripresa e ruolo della cooperazione, i temi messi in campo venerdì 12 luglio durante la prima assemblea regionale di UEcoop Lombardia a Palazzo Lombardia (Milano), la centrale cooperativa promossa da Coldiretti ma che abbraccia e si rivolge a tutti i settori dall'edilizia al sociale, dai servizi ai trasporti fino, naturalmente, all'agricoltura.
Nata il 12 febbraio scorso da sei cooperative, UEcoop ha raggiunto in pochi mesi i requisiti per essere riconosciuta dal ministero dello Sviluppo economico quale associazione nazionale di rappresentanza, assistenza e tutela del movimento cooperativo.
Oggi aggrega oltre quattromila cooperative e trecentomila soci andando a coprire tutti gli ambiti d'intervento in venti Regioni italiane.

L'Italia che fa l'Italia
In un contesto nazionale in piena crisi dove la disoccupazione sale - nella sola Lombardia secondo un'elaborazione UEcoop fra il 2011 e il 2012 il numero di disoccupati è cresciuto di 32,4 punti percentuali - e gli italiani tagliano sulle spese quotidiane, oltre duecento cooperative si sono date appuntamento a Milano per sottolineare il ruolo strategico della cooperazione sul fronte economico ma anche su quello sociale
"Scopo dell'incontro di oggi e di quelli delle scorse settimane in altre regioni italiane, è quello di raccogliere pareri, opinioni e bisogni dal basso - ha spiegato Vincenzo Sette coordinatore nazionale di UEcoop - per dare vita ad un documento che verrà presentato l'8 ottobre prossimo a Roma in occasione del primo incontro nazionale di UEcoop".
"Si tratta - ha spiegato Sergio Marini, presidente nazionale Coldiretti nel suo intervento in chiusura di giornata - , del documento fondante da cui partiranno le azioni concrete coerenti al percorso individuato come comune e condiviso".

Dal territorio la risposta
Coldiretti, motore propulsore e traino alla nascita di UEcoop, ha scelto di giocare un ruolo da protagonista proprio perché convinta della necessità di rimettere in moto i territori partendo da concetti quali identità territoriale, orizzontalità - caratteristica dell'aggregazione cooperativa, sussidiarietà e un'idea nuova di rappresentanza.
Tra i passaggi necessari, quello di prendere le distanze dalla visione oggi diffusa di rappresentanza verticale e corporativa che ha portato verso inevitabili e dannose deviazioni - esemplificativa la vicenda quote latte - per migrare verso una interazione orizzontale nata dal basso capace di abbracciare un processo di  sburocratizzazione, di ristrutturazione della figura del socio e di rimodernizzazione del concetto di mutualità cooperativa.

"Ciò che ci contraddistingue dall'essere l'ennesima cooperativa, è il coraggio di portare avanti un'idea per il cambiamento del Paese - ha spiegato Sergio Marini nel suo lungo intervento -. Pensiamo esista una via percorribile e intermedia tra la crescita ad ogni costo  che porta alla distruzione ambientale, e l'accettazione dell'impoverimento economico, a fronte di un mercato mondiale in cui non sappiamo competere. Crediamo - ha proseguito - in una terza strada capace di coniugare una crescita, lenta ma possibile, ad una qualità di vita accettabile e capace di migliorare le relazioni, l'ambiente e la socialità" ha spiegato il presidente Coldiretti.

Basta dunque svendere il made in Italy, patrimonio nazionale unico e inimitabile alle multinazionali straniere. Basta perseguire un modello fondato sul costo di produzione e sull'omologazione d'impresa tipico degli ani '70 e '80 ma ormai non più attuale. Ora - hanno spiegato dal palco - è necessario perseguire un modello di sviluppo sostenibile e il ruolo di UEcoop è quello di spingere affinchè chi non ha il coraggio di prendere decisioni in tal senso si senta motivato e sostenuto nel farlo.
"Siamo europeisti - ha quindi aggiunto Marini - ma nella misura in cui l'Europa si limiti a regolare le grandi questioni quali il dumping, l'internazionalizzazione, il commercio internazionale e la crisi senza intervenire sui singoli territori ai quali deve essere lasciata la possibilità di esprimersi a pieno.
Stiamo costruendo un'Europa invasiva con la tendenza ad appiattire le diversità attraverso norme comunitarie che annientano le singole culture e cancellano le differenze.
L'Europa è il primo soggetto non sussidiario e non lo possiamo accettare; per quanto ci riguarda la sussidiarietà deve essere vera e piena, dall'Europa in giù.
Se riusciamo ad essere fermi rispetto a questo percorso -
ha concluso - una spallata la daremo; con determinazione, buona volontà e quattro o cinque idee giuste, potremo fare molto in una fase storica in cui la politica non può nulla; ciò che vogliamo è rimettere al centro i veri valori: le persone e il territorio".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.792 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner