Blue tongue, individuazione degli animali sensibili

Il ministero della Salute offre in merito alcune indicazioni agli assessorati alla Sanità e all’Agricoltura

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Pecora 400.jpg
A seguito dell’evoluzione epidemiologica non favorevole della Blue tongue (sierotipo BTV 8) in taluni paesi dell’Unione europea, il ministero della Salute ha indirizzato una nota agli assessorati alla Sanità e all’Agricoltura, osservando che non è infrequente che, prima dell’adozione dei provvedimenti in ambito comunitario, siano state spedite dalle zone colpite partite di animali sensibili allaBlue tongue”.
La Direzione generale della Sanità animale ritiene necessario disporre il rintraccio di tali partite animali: in particolare per gli ovini il rintraccio deve riguardare tutti gli animali usciti dalla zona di restrizione nel corso dei 30 giorni precedenti l’individuazione della stessa, mentre per quanto concerne i bovini il periodo di rintraccio deve riguardare i due mesi precedenti l’individuazione delle zone di restrizione. Le operazioni di rintraccio possono essere realizzate di concerto tra gli Uffici comunitari per gli adempimenti comunitari (Uvac) e gli assessorati regionali, utilizzando il sistema Traces e quello delle pre-notifiche.

 

Fonte: @nmvi Oggi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.559 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner