Agli acari piace il caldo

Con l'arrivo delle temperature e delle umidità estive, si devono fronteggiare le infestazioni di acari. Enviromite 480 SC di Agriphar è la soluzione

Contenuto promosso da Arysta Lifescience
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agriphar-apertura.jpg

Da Agriphar, Enviromite 480 SC: contro gli acari parassiti

Crescono le temperature, crescono i tassi di umidità, specialmente in ambienti protetti, come le serre. Con queste situazioni di campo possono amplificarsi di molto le popolazioni di acari parassiti, come per esempio il ragnetto rosso, o Tetranychus urticae.

Per contenerne la diffusione è necessario intervenire con appostiti acaricidi, da applicarsi al momento della comparsa delle forme mobili. La proposta di Agriphar in tale senso porta il nome di Enviromite 480 SC, una sospensione concentrata contenente bifenazate in ragione di 480 grammi per litro.

Registrato per usi in pieno campo e in serra, Enviromite 480 SC può essere applicato su fragola, pomodoro, peperone, melanzana, cetriolo e zucchino, effettuando un massimo di due applicazioni nel corso dell'anno rispettando l'intervallo di sicurezza pari a 3 giorni su tutte le colture.

Quanto a dosi d'impiego, Enviromite 480 SC va applicato a 20-25 millilitri per ettolitro di acqua. Tradotto in dose per superficie, su fragola si applicherà a 200-300 ml/ha in serra e a 200-250 ml/ha in pieno campo. Sulle altre orticole riportate in etichetta, la dose sarà variabile da 200 a 375 ml/ha, indipendentemente si tratti di serra o pieno campo.

In caso di forti infestazioni e di masse fogliari particolarmente rigogliose, è bene trattare due volte a sette giorni di distanza, avendo cura di bagnare uniformemente la coltura.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.747 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner