MAXCEL E GLI ALTRI BIOREGOLATORI ISAGRO ITALIA

Un interessante opuscolo ne illustra le peculiarità
In occasione del secondo anno di commercializzazione di MaxCel, l'innovativo bioregolatore diradante del melo, Isagro Italia ha realizzato un'interessante pubblicazione su questo particolare gruppo di agrofarmaci

Questo articolo è stato pubblicato oltre 14 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bioregolatori.jpg

Isagro Italia, in occasione del secondo anno di commercializzazione di MaxCel, nuovo bioregolatore diradante del melo a base di 6-benziladenina (6-BA), ha realizzato una interessante pubblicazione su questo particolare gruppo di agrofarmaci.

Dopo la presentazione di Valent BioSciences Corporation, Società di Sumitomo Chemical specializzata nel settore dei prodotti biotecnologici, l'opuscolo inizia con la descrizione degli ormoni vegetali o fitormoni (auxine, gibberelline, citochinine, etilene e acido abscissico) e dei fitoregolatori o bioregolatori impiegati in agricoltura, con alcuni cenni storici sulle loro prime applicazioni in Italia.

Non manca poi l'elenco della gamma dei formulati distribuiti da Isagro Italia, che vanta una lunga esperienza nel settore, rappresentata da Accel, Fruitone, Fruttor AG, Amid Thin, Nokad, MaxCel.

La parte centrale del lavoro è dedicata alla problematica del diradamento chimico del melo, alle caratteristiche e alle possibilità di impiego dei bioregolatori Amid Thin, Nokad e MaxCel. In particolare, riportando risultati sperimentali ottenuti da Istituti di ricerca, vengono riportati i tre effetti di MaxCel: diradante, stimolante l'accrescimento dei frutti e il ritorno a fiore.

Nella pubblicazione vengono presi  in considerazione i fattori che influenzano l'assorbimento dei bioregolatori diradanti e l'importanza di poter disporre di formulazioni innovative appositamente studiate per garantire costanza ed efficacia nei risultati anche in condizioni climatiche sub-ottimali.

L'opuscolo  riporta inoltre l'elenco dei principi attivi ammessi in Italia per il diradamento del melo, le varietà sulle quali si possono impiegare, l'efficacia e le epoche di impiego di ciascuno.

Lo "schema integrato di diradamento delle principali varietà di melo", posto alla fine della pubblicazione, contiene le strategie di intervento proposte, da scegliere a seconda delle diverse situazioni colturali e climatiche in cui ci si trova ad operare.

Chi fosse interessato a ricevere una copia dell'opuscolo può inoltrare una richiesta scritta a: Marketing Isagro Italia, via Caldera, 21- Centro Uffici S. Siro - Edificio D, Ala 3- 20153 Milano (MI), o inviare un  fax al numero 02.45280210

E' anche possibile inviare una e-mail a: isagro-italia@isagro-italia.it   o scaricare l'opuscolo in pdf dal sito: www.isagro-italia.it   alla voce "documentazione".

 

 

 

 

 

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.274 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner