Case IH Puma, puliti dentro e belli fuori

Motori Stage V, nuovo cofano e luci Led, nonché inedite soluzioni e tecnologie, arricchiscono i rinnovati trattori Puma 140-240 omologati per l'uso di biodiesel HVO e olio biodegradabile

Contenuto promosso da CNH Industrial Italia, CNH Industrial Italia :: Case IH, FPT Industrial
case-ih-puma-240-agritechnica-2019.jpg

Case IH Puma 240 in mostra ad Agritechnica 2019
Fonte foto: Agronotizie

Sembrano belli e buoni come gli eroi dell'antica Grecia gli ultimi trattori Puma 140-240, aggiornati da Case IH per il 2020. Belli grazie al nuovo look con design del cofano e pacchetto d'illuminazione rinnovati e buoni perché possiedono propulsori Stage V e funzionalità aggiuntive che permettono di ridurre le emissioni inquinanti e aumentare sia il comfort di guida sia l'efficienza operativa.

Presentata ad Agritechnica 2019 a fianco delle nuove Serie Magnum AFS Connect e Vestrum CVXDrive, la gamma Puma resta suddivisa in due linee distinte: una comprende i modelli Puma 140-175 compatti, l'altra i modelli Puma 185-240 contraddistinti da dimensioni standard. Rispetto ai primi, i secondi presentano un maggior numero di aggiornamenti che riguardano la cabina e i sollevatori.
 

Serie Puma: sempre più eco-friendly

Oggi, non solo i Puma 185-240, ma anche i Puma 140-175 montano motori a sei cilindri FPT Industrial N67 da 6,7 litri che rispettano lo Stage V grazie al sistema di post-trattamento dei gas di scarico Hi-eSCR2. Oltre alla rinnovata gamma comprendente 15 modelli con potenze da 140 a 240 cavalli e tre opzioni di trasmissione, sono conformi all'ultima normativa sulle emissioni anche le linee Magnum AFS Connect, Optum e Vestrum.

Tutti i trattori Puma con propulsori Stage V sono omologati per l'impiego al 100% di biodiesel HVO e olio biodegradabile. Inoltre, il prolungamento degli intervalli di sostituzione dell'olio motore (750 ore) e dell'olio della trasmissione (1.500 ore) consente agli operatori di effettuare meno cambi dell'olio e del filtro durante la vita utile dei mezzi, riducendo i costi di gestione.
 
Case IH Puma 240 ad Agritechnica 2019
Case IH Puma 240 ad Agritechnica 2019
 

Sempre più somiglianti ai fratelli maggiori

Osservando i Puma si scoprono novità anche all'esterno del cofano, che - ridisegnato - vanta ora le linee tipiche degli ultimi modelli Case IH e integra le luci presenti anche sui trattori di classe superiore Optum e Magnum. In particolare, le luci di lavoro e stradali sono state aggiornate e arrivano a offrire un'intensità luminosa pari a 40mila lumen nella versione top a Led.

Non solo. Tutti gli ultimi arrivati possono contare sul sistema sterzante a risposta variabile, che regola la velocità della risposta sterzante in base all'operazione in corso assicurando maggiore precisione, e sulla tecnologia di telemetria AFS Connect (opzionale), che permette lo scambio bidirezionale di dati in modalità wireless tra le trattrici in campo e il gestore in azienda.
 

Novità in cabina sui Puma 185-240

Per migliorare ulteriormente il comfort operativo e l'ergonomia, il brand di CNH Industrial - che finora ha prodotto oltre 90mila Puma a livello globale - ha equipaggiato la cabina dei modelli da 180-240 cavalli con nuove soluzioni. L'entrata e l'uscita dall'abitacolo sono ora più sicure grazie all'illuminazione dei gradini, mentre il lavaggio mani è facilitato dall'apposita vaschetta (opzionale) sistemata vicino alla scala di accesso.

Salendo a bordo dei Puma 185-240, il conducente trova un inedito volante 'premium' e una radio DAB di alta qualità (disponibile in opzione) con altoparlanti e microfono per chiamate in vivavoce, nonché un vano portadocumenti, uno specchietto retrovisore più compatto e una nuova guida per il monitor. Quest'ultima comprende prese Usb e supporti per smartphone o tablet (a richiesta).
 
Cabina dei modelli Case IH Puma 185-240
Cabina dei modelli Case IH Puma 185-240
 

Ulteriori upgrade per i trattori Case IH

Infine, i Puma 185-240 si rivelano ancora più semplici da gestire per via di alcune migliorie. La posizione del terzo punto del sollevatore posteriore è stata ripensata per permettere di riporlo più ordinatamente al termine del lavoro e di ottenere una visuale migliore sull'attacco rapido automatico, sulla PTO e sull'attrezzatura collegata. Il sollevatore anteriore con nuovo design e inediti pulsanti di azionamento remoto facilita l'accesso e la risposta.

Completa l'equipaggiamento dei trattori una nuova tubazione di aria compressa che può essere collegata a più attacchi in vari punti dei macchinari e dotata di tubo flessibile, di una pistola per eseguire le operazioni di pulizia o il gonfiaggio dei pneumatici.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.389 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner