Psr Toscana, il bando per l'agricoltura biologica 2021

A disposizione venti milioni di euro per sostenere l'introduzione e il mantenimento delle pratiche di coltivazione biologica. Scadenza il 15 maggio, all'interno il link al bando

foraggi-rotoballe-campo-fieno-by-matteo-giusti-agronotizie.jpg

Biologico, in Toscana il bando per i contributi
Fonte foto: Matteo Giusti - Agronotizie

La Toscana ha aperto il bando, attivato sulla misura 11, per chiedere  i contributi per l'introduzione e il mantenimento dell'agricoltura biologica, mettendo a disposizione un totale di venti milioni di euro.

L'obiettivo di fondo è quello di promuovere l'agricoltura biologica e di conservare la biodiversità a livello di agroecosistema, tutelare i paesaggi e ridurre l'inquinamento delle risorse idriche.

Il bando fornisce infatti contributi a superficie utili anche per coprire le spese necessarie alla certificazione e per compensare le perdite di produzione soprattutto nel periodo di conversione.

Possono partecipare al bando come beneficiari tutti gli agricoltori, singoli e associati in attività, e che siano iscritti all'elenco pubblico degli operatori dell'agricoltura biologica previsto dalla legge 154/2016.

Il bando offre un contributo a superficie, che varia a seconda delle coltura e del fatto che lo si richieda per l'introduzione o per il mantenimento del regime di conduzione biologica.

Per l'introduzione dell'agricoltura biologica, sottomisura 11.1 sono previsti per:
  • vite, 840 euro/ettaro;
  • olivo e altre arboree, 720 euro/ettaro;
  • castagno da frutto, 380 euro/ettaro;
  • seminativo collegato ad allevamento biologico, 308 euro/ettaro;
  • seminativo, 293 euro/ettaro;
  • pascolo collegato ad allevamento biologico, 126 euro/ettaro;
  • ortive, pomodoro da industria, officinali e florovivaismo, 480 euro/ettaro.

Per il mantenimento del regime biologico certificato, previsto dalla sottomisura 11.2 ci sono per:
  • vite, 700 euro/ettaro;
  • olivo e altre arboree, 600 euro/ettaro;
  • castagno da frutto, 300 euro/ettaro;
  • seminativo collegato ad allevamento biologico, 275 euro/ettaro;
  • seminativo, 244 euro/ettaro;
  • pascolo collegato ad allevamento biologico, 105 euro/ettaro;
  • ortive, pomodoro da industria, officinali, florovivaismo, 400 euro/ettaro.
I contributi sono cumulabili, nelle modalità previste dal bando, ai contributi previsti per la conservazione del suolo e della sostanza organica (operazione 10.1.1), per il miglioramento dei prati pascoli (operazione 10.1.3) e per la coltivazione delle varietà locali a rischio estinzione (operazione 10.1.5).

Le domande devono essere inviate in modalità telematica sul portale Artea entro il 15 maggio 2021.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 268.635 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner