Nuova Pac, aiuti diretti ai viticoltori

All'interno della Pac 2014-2020 una grande novità per gli imprenditori vitivinicoli, che beneficeranno per la prima volta dei titoli per l'assegnazione degli aiuti diretti

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vigneto-viti-uva-da-vino-filari-IMG_5149-667x500-cs-.jpg

La viticoltura otterrà maggiori benefici dalla Pac 2014-2020
Fonte foto: © Cristiano Spadoni - AgroNotizie

Per la prima volta ci sarà anche la viticoltura. La riforma della nuova Pac porta con sé importanti novità per il settore, specialmente all'interno del primo pilastro della politica agricola comunitaria, ovvero i pagamenti diretti e l'Ocm. Fino al 2014, infatti, il settore viticolo non aveva mai ricevuto aiuti diretti, con il sostegno inserito all'interno dell'Ocm unica.

L'assegnazione dei titoli avverrà sulla base della domanda unica 2015; fra le superficie ammissibili ci sono per la prima volta anche i vigneti, e questa è la vera novità. I viticoltori, al momento della presentazione della domanda unica di quest'anno, potranno quindi chiedere l'assegnazione dei titoli anche sulla superficie messa a vigneto. In questo modo si potrà abbinare tale superficie ai diritti all'aiuto per incassare il pagamento diretto.

Per beneficiare dei nuovi titoli, il viticoltore dovrà dimostrare di rientrare nella categoria degli “agricoltori attivi”, oltre all'aver maturato almeno un diritto all'aiuto nell'anno 2013. Dal punto di vista del valore dei titoli, l'azienda agricola otterrà un valore pari alla superficie viticola dell'anno in corso, in quanto nel 2014 non ha incassato pagamenti a causa della mancanza dei titoli.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: viticoltura pac aiuti diretti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.933 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner