Candine®, la mela dolcemente naturale

Apofruit e Geoplant Vivai mostrano la mela Regalyou* Candine®, all'interno della seconda edizione del Candine day. Dolcezza, croccantezza, succosità, aroma ed aspetto, i punti di forza

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Info aziende
mela-melo-regalyou-candine-varieta.jpg

Regalyou Candine sarà prodotta e commercializzata in Italia, in esclusiva da Apofruit, attraverso la formula del club varietale
Fonte foto: Agronotizie

Bella, buona e dalla lunga conservabilità. Sono questi i segreti della mela Regalyou* Candine®, nuova varietà che sarà in esclusiva prodotta e commercializzata da Apofruit sottoforma di club.
La stessa impresa cooperativa cesenate, per mostrare le potenzialità di questa mela, ha organizzato il 17 settembre 2019 la seconda edizione del Candine day che si è tenuta a Cesena presso la propria sede e presso alcune aziende agricole di San Pietro in Vincoli (Ra). Visitato anche il vivaio Geoplant a cui è affidata la produzione del materiale vivaistico. Oltre cento i produttori agricoli che vi hanno partecipato.

"La mela Candine® - spiega Ilenio Bastoni, direttore generale di Apofruit - rappresenta per noi un'ottima possibilità. Apofruit detiene l'esclusiva per la produzione e la commercializzazione in Italia. Questa mela si presta perfettamente, per risultati e previsioni, all'uso in club. Con il progetto Candine abbiamo voluto dare un forte impulso alla strategia di valorizzazione e differenziazione del prodotto, sviluppando un'attenta politica di marca. Una strategia che mira a superare le difficoltà dei prodotti indifferenziati tipici delle commodity e che porta il consumatore a riconoscere ed apprezzare la frutta contraddistinta da un marchio. Tutto questo per rendere la coltivazione più remunerativa per i produttori. Questa mela è stata scelta per le sue ottime caratteristiche organolettiche, approvate anche da consumer test fatti nel gennaio 2018 presso alcuni supermercati dell'Emilia Romagna che ne hanno evidenziato la dolcezza, la freschezza e la succosità".

Ad oggi in Italia sono stati messi a dimora circa 33 ettari, situati nelle zone melicole del Nord Italia. L'obiettivo è arrivare a 60 ettari nel 2020 e 260 nel 2025. Di questi, secondo i piani, 60 ettari saranno coltivati in biologico. Dal punto di vista della produzione oggi vengono raccolti circa 1.500 quintali, con previsioni di 40mila quintali entro il 2022.
"Dal 2021 avremo un'ampia disponibilità di materiale vivaistico" conclude Bastoni. "In questa prima fase ci concentreremo al mercato italiano, pensando che Candine® possa occupare il mercato oggi coperto dalle Fuji che hanno mostrato in questi ultimi anni alcuni problemi produttivi e di commercializzazione. Pensiamo comunque che possa essere molto apprezzata in tutta Europa ed anche nei mercati asiatici. Questa varietà, oltre ad avere una lunga conservabilità, non è particolarmente sensibile alle interruzioni della catena del freddo, quindi si presta per essere esportata oltremare".
 
Regalyou Candine, nuova varietà di mela prodotta e commercializzata in esclusiva per Apofruit
Un momento della seconda edizione del Candine day all'interno della sede di Apofruit a Cesena
(Fonte foto: AgroNotizie)

 

Le caratteristiche di Regalyou* Candine®

"La stagione produttiva 2019 di Candine® - spiega Paolo Nanni, tecnico di Apofruit - registra un ritardo di sei-sette giorni rispetto al 2018, quando la raccolta era partita il 20 settembre (matura mediamente a fine settembre). Ad oggi, con le mele che saranno raccolte circa il 26 settembre, il grado Brix è di 14 ed il valore dell'amido di 3,5-4%. I due valori arriveranno alla raccolta a circa 16-17 gradi Brix e 4,5-5% di amido. In entrambi i casi i due valori sono decisamente sopra la media. Regalyou* nasce da un incrocio tra una Fuji e Ariane* Les Naturianes®. Da quest'ultima ha ereditato la resistenza alla ticchiolatura, caratteristica che permette tra l'altro un utilizzo in coltura biologica.

Presenta una forma arrotondata e leggermente schiacciata simile a Fuji, ma con una buccia più intensamente colorata. Il sovraccolore è infatti rosso intenso, uniforme, esteso sul 70% della buccia, velata da una caratteristica pruina. La polpa è croccante e succosa, molto dolce con bassa acidità e caratteristico aroma. La pianta ha un elevato vigore, un portamento assurgente, non presenta alternanza di produzione ed un'ottima produttività grazie alla forte allegagione. Va però effettuato un adeguato diradamento manuale per ottimizzare al meglio la produzione"
.

Un altro elemento distintivo di Candine® è la sua lunga conservabilità, più lunga delle mele comunemente consumate. "La sua shelf-life è davvero eccezionale" conclude Nanni. "Negli ultimi due anni abbiamo effettuato diverse prove che hanno evidenziato come il prodotto conservato ad una temperatura di 18-20 gradi centigradi possa mantenersi per oltre due mesi. Nel caso invece di stoccaggio a 3 gradi centigradi può conservarsi per almeno otto-dieci mesi. Il sapore e la consistenza in questo periodo non vengono alterati mantenendo intatte le caratteristiche peculiari del prodotto ed aprendo interessanti opportunità di mercato".
 
Regalyou* Candine®: dolce, croccante, elevata conservabilità, succosa e con piante resistenti alla ticchiolatura
Regalyou* Candine®, nuova varietà di mela prodotta e commercializzata in esclusiva per Apofruit
(Fonte foto: AgroNotizie)
 

La produzione di piante

Nel progetto Candine® oltre ad Apofruit sono presenti Agro séléction fruits (costitutore della varietà) e Blue whale (produttore e distributore esclusivo in Francia) attraverso un tavolo di coordinamento che punta in futuro alla commercializzazione della Candine® in Europa e in Asia. In Italia le piante verranno prodotte, per conto di Apofruit, da Geoplant Vivai.

"Siamo davvero soddisfatti della collaborazione con Apofruit" commenta Gianluca Pasi, responsabile tecnico commerciale di Geoplant Vivai. "Abbiamo programmato una produzione di circa 120mila piantine all'anno, un numero decisamente importante. Candine® è una mela decisamente interessante e dal grande potenziale, con sapore subacido e dall'alto tenore di amido già in pianta. Spicca tra le altre e permette di essere valorizzata nei confronti del consumatore, garantendo al produttore che la sceglie un potenziale economico di tutto rispetto. Le piante verranno prodotte sui principali portinnesti che vengono oggi usati e nelle più richieste tipologie come astone knip ramificato 7-8+, piante tradizionali di diciotto mesi ramificate e piante di un anno ramificate o non ramificate".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione varietale biologico interviste video pomacee eventi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.341 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner