P come peronospora, P come prevenzione

Corteva propone Zorvec Vinabel, miscela pronta di Zorvec Active e zoxamide: alta efficacia sulla vite e raccolti di elevata qualità

Contenuto promosso da Dow AgroSciences Italia
vigneti-prosecco-vigneto-vigna-vite-by-stillkost-fotolia-750.jpeg

Vigneti protetti contro la peronospora con Corteva
Fonte foto: © Stillkost - Fotolia

Per produrre uva di qualità, premessa per la produzione di vini altrettanto elevati qualitativamente, è sempre più importante disporre di soluzioni che garantiscano non solo elevata efficacia fitosanitaria, bensì che siano in grado di portare il massimo del risultato anche nelle annate più difficili, limitando possibilmente i costi di intervento.

Per la campagna 2020 Corteva Agriscience propone diverse soluzioni per la peronospora andando incontro proprio a queste esigenze.

La prima di queste è Zorvec Vinabel, miscela pronta di Zorvec Active e zoxamide. La combinazione delle due sostanze attive offre un'eccellente uniformità d'azione, assicurando il massimo controllo delle malattie causate da funghi oomiceti. Ciò consente ai viticoltori di ottenere raccolti più sani con il conseguente miglioramento del business aziendale.
 

Preventivo è meglio

Zorvec Vinabel esplica la sua azione biochimica su un nuovo sito d'azione con un meccanismo innovativo e non presenta resistenza incrociata con i fungicidi presenti sul mercato.

Applicato preventivamente nel periodo che va dalla pre-fioritura (fino a 10 giorni prima dell'inizio della fioritura) alla fioritura, grazie alla sua attività translaminare e sistemica acropeta, protegge i grappoli e le foglie durante le fasi di crescita e di sviluppo, comprese quelle che al momento delle applicazioni non hanno raggiunto neppure il 20% della loro dimensione finale. Il risultato è il raggiungimento di un'elevata efficacia e durata del controllo della peronospora della vite.

Zorvec Vinabel è disponibile in due taglie, da 1 e da 3 litri, in modo da coprire ogni esigenza aziendale.

Scarica la Linea vite di Corteva

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 244.675 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner