Ortaggi a foglia: il Piemonte in prima linea contro le patologie

Quargnento (Al), 17 maggio 2010 ore 15,00. Incontro tecnico sulle attività di monitoraggio

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

lattuga-mix-di-lattughe-mf.JPG

Ortaggi a foglia: monitoraggio e strategie di difesa in Piemonte

Il 17 maggio 2010 a Quargnento (Al) si terrà un incontro tecnico nel quale verranno presentati i risultati delle attività di ricerca finanziata da Agrinnova nell'ambito del progetto Advanet - Cipe 2006 che prevedeva una intensa attività di monitoraggio condotta dai tecnici del Creso e del Cadir lab / Sata Srl nell'ultimo triennio sul territorio piemontese.

Nel corso del triennio sono state monitorate le coltivazioni di ortaggi a foglia sia in ambienti serricoli che in pieno campo.

Le coltivazioni di ortaggi a foglia sono particolarmente diffuse in Piemonte sia nei cicli estivi di pieno campo che in fase autunnale – invernale in ambiente protetto. Gli areali maggiormente interessati a queste coltivazioni sono l'alessandrino con produzioni prevalenti di indivia riccia e scarola, il torinese – cuneese ed astigiano con coltivazioni di lattughe cappuccio – gentiline e foglie di quercia sia in pieno campo che in ambiente protetto.

Nei vari areali di coltivazione, a seguito delle limitazioni di impiego che hanno subito alcune molecole chimiche in questi ultimi anni, si sono accertate diffusioni di alcuni funghi tellurici particolarmente aggressivi sulla vegetazione con significativi danni alle produzioni.

Durante l'incontro tecnico verranno specificamente affrontate le problematiche relative alla difesa delle colture orticole a foglia nelle provincie di Alessandria, Torino e Cuneo.

Sarà fornito un aggiornamento sulle alterazioni fitopatologiche emergenti in ortaggi a foglia in Piemonte e sulle opportunità di difesa sostenibili. Tale finalità è stata attuata attraverso la costituzione di una rete di monitoraggio capillare sul territorio che ha coinvolto il Creso e il Sata srl.

Nel corso del monitoraggio sono stati utilizzati metodi di diagnostica tradizionali o di recente messa a punto nei laboratori di ricerca di Agrinnova (Università degli Studi di Torino) al fine di valutarne la trasferibilità in sistemi orticoli piemontesi.

Nell'incontro, aperto a tecnici ed a produttori agricoli, verranno presentati i risultati di questa capillare indagine e si tracceranno linee guida per la gestione agronomica delle coltivazioni.

L'incontro tecnico su 'Diagnostica avanzata, costituzione di una rete di monitoraggio e assistenza tecnica per la gestione non convenzionale di patogeni di colture orticole in Piemonte (progetto Advanet - Cipe 2006)' si terrà presso Cadir Lab - Sata Srl alle ore 15,00.
Str. Alessandria,13 - 15044 Quargnento (Al)
Tel.: 0131 219696 Fax: 0131 219695 Email: info@cadirlab.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.193 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner