Massey Ferguson amplia l'offerta dei "piccoli" con i nuovi trattori compatti entry level MF 1700 E, lanciati insieme agli specializzati MF 3 Speciali e Alpine ed entrambi presenti alla prossima Enovitis in Campo che si terrà il 23 e il 24 giugno 2022.

 

"Ascoltando le richieste dei concessionari abbiamo accettato la sfida di entrare in un nuovo segmento di mercato con i 1700 E che sono molto richiesti da orticoltori, nel florovivaismo, nella municipalità, ma anche da chi lavora in serre, centri equestri o frutteti e vigneti di difficile accesso" afferma Gianluca Gherardi, National Sales manager di Massey Ferguson Italia. "Per il 2022 sarebbe un buon obiettivo la vendita di una cinquantina di unità in Italia".


Trattore MF 1740 E con potenza di 40 cavalli

Trattore MF 1740 E con potenza di 40 cavalli

(Fonte foto: AgroNotizie)


Modelli più semplici dei 1700 M e con un prezzo più accessibile, i 1740 e 1755 E sono leggeri, caratterizzati da bassi costi di esercizio e utilizzabili con facilità da qualsiasi operatore nei più diversi contesti: dalla lavorazione del terreno alla semina, diserbo e irrorazione, ma anche nei lavori di trituramento delle ramaglie e nel traino di rimorchi o carrelli di piccole dimensioni.

 

Componenti collaudati e affidabili

I 1700 E mutuano i motori common rail dai 1700 M. Il 1740 E con il tre cilindri da 1,8 litri visto sui 1735-1740 M raggiunge i 40 cavalli e i 112 newtonmetri, mentre il 1755 E con il quattro cilindri da 2,4 litri dei più grandi 1700 M arriva a 54 cavalli e 175 newtonmetri. Entrambi i propulsori erogano la coppia massima a 1.600 giri al minuto e rispettano lo Stage V mediante i sistemi EGR-DOC-DPF. La loro manutenzione ordinaria è facilitata dal cofano monoblocco che si solleva completamente con l'aiuto di un pistone a gas.


Motore Stage V sotto il cofano del MF 1755 E

Motore Stage V sotto il cofano del MF 1755 E

(Fonte foto: AgroNotizie)

 

A differenza dei 1735, 1740, 1750 e 1765 M con trasmissione idrostatica HST, i nuovi arrivati vantano due configurazioni di trasmissione meccanica: a due gamme e quattro marce da 8AV + 8RM per il 1740 E, a tre gamme e quattro marce da 12AV + 12RM per il 1755 E.

 

Le due versioni con inversore sincronizzato - la cui leva è situata sotto il volante a sinistra – permettono di raggiungere i 30 chilometri orari su strada con bassi consumi di carburante e assicurano grande capacità di trazione in campo. La trazione integrale è disponibile di serie.

 

1700 E, E come eclettici

L'equipaggiamento posteriore dei piccoli MF permette il loro utilizzo con varie attrezzature. Sul retro una Pto indipendente a controllo elettroidraulico da 540 giri al minuto - attivata tramite un interruttore sul cruscotto o un pulsante sul parafango - presenta le modalità di innesto Standard e Soft Start (per carichi ad alta inerzia) che assicurano elevata compatibilità con gli attrezzi.

Sul 1755 E c'è anche la Pto da 2mila giri al minuto. "Inoltre forniamo in opzione una Pto ventrale per il montaggio di falciatrici ventrali" sottolinea Claudio Bogoni, specialista di Prodotto di Massey Ferguson.


Pto e sollevatore posteriori del MF 1755 E

Pto e sollevatore posteriori del MF 1755 E (Fonte foto: AgroNotizie)


I due 1700 E si differenziano tra loro per la portata idraulica, pari a 28,2 litri al minuto sul 1740 E e a 32,2 litri al minuto sul 1755 E. L'olio arriva a un massimo di due distributori (uno di fabbrica + uno in opzione) e al sollevatore posteriore di cat. I che alza 1.000 chilogrammi sul modello da 40 cavalli, 1.200 sull'altro. Il driver può impostare una precisa altezza di lavoro con il controllo della posizione e regolare le velocità di sollevamento e abbassamento.
"L'idea è di offrire una versione meno sofisticata dei modelli M che, oltre a sollevatore e Pto anteriori, hanno un sollevatore posteriore più potente" specifica Bogoni.

 

Piattaforma confortevole

Se i 1700 M sono disponibili anche con cabina, i 1700 E sono proposti solo in versione piattaformata. L'operatore lavora comunque in modo ottimale poiché può accedere facilmente al posto guida e ai comandi. Questi sono posizionati su entrambi i lati del sedile: le leve per distributori e sollevatore sono a destra, il selettore della trazione a due/quattro ruote e il cambio gamma a sinistra.

Inoltre, il pavimento piatto del 1755 E offre più spazio e riduce le vibrazioni e il rumore aumentando il comfort.


Piattaforma con pavimento piatto sul MF 1755 E

Piattaforma con pavimento piatto sul MF 1755 E

(Fonte foto: AgroNotizie)

 

Trattori piccoli, ma personalizzabili

Ma come nascono i 1700 E? "I trattori - spiega Bogoni - arrivano già assemblati dalla Malesia o dal Giappone e a Beauvais 4 vengono personalizzati. Puntiamo sulla personalizzazione di mezzi di ogni fascia di potenza per rispondere a tutte le richieste dei clienti".

Optional sui nuovi arrivati sono lo sforzo controllato del sollevatore (solo per il 1755 E), il secondo distributore e la barra di traino. Disponibili anche pneumatici posteriori con dimensione massima di 24 e 28 pollici.

MF-1755-E-aprile2022.jpg
MF 1755 E con motore a quattro cilindri Stage V da 54 cavalli Fonte foto: Agronotizie