Mercati: in alto l'ortofrutta, fermo il frumento tenero e duro

21 e 25 novembre 2019. Prezzi e tendenze per ortofrutta e cereali dai mercati all'ingrosso e dalle borse merci

ortofrutta-cereali-mercati-duccio-caccioni-agronotizie-italia.jpg

Il mercato italiano del 21 e del 25 novembre 2019

Ortofrutta

(produzione e mercati all'ingrosso italiani, lunedì 25 novembre 2019)
Nei mercati all'ingrosso si è registrata una ondata di rialzi che ha coinvolto un gran numero di articoli. In salita i prezzi delle lattughe e delle indivie, delle melanzane, dei peperoni, delle zucchine e di gran parte delle tipologie dei pomodori.

Per la frutta si sono viste quotazioni in rialzo per l'uva e le clementine nazionali – l'offerta calabrese inizia a essere abbondante contro la prevalente produzione spagnola. Alla produzione si è constatato un aumento delle quotazioni dell'actinidia. Pesante il mercato dei cachi.
 

Cereali e foraggi

(riunione Borsa merci Bologna, giovedì 21 novembre  2019)
Fermi i grani teneri e duri nazionali e comunitari - in aumento i grani di forza canadesi (+2 euro tonnellata). Un paio di euro/tonnellata anche per la soia italiana.

Sale il pisello proteico (+10 euro/tonnellata) assieme al farro (+2 euro/tonnellata). Bene i cruscami di grano tenero e duro (+5 euro/tonnellata). Fermi i prezzi dei risi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 210.160 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner