Xylella fastidiosa, reimpianti e reinnesti nelle aree infette

Al Grand Hotel Tiziano di Lecce il 21 giugno 2019

reimpianti-reinnesti-aree-infette-xylella-locandina-lecce-20190621.jpeg

Lecce, 21 giugno 2019

A Lecce il prossimo 21 giugno si parlerà di "Reimpianti e reinnesti nelle aree infette da Xylella fastidiosa subsp. pauca" in occasione del workshop organizzato da Arptra insieme all'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali della provincia di Lecce e Corepa, Coordinamento regionale collegi periti agrari e periti agrari laureati della Puglia.

Appuntamento alle 15.30 al Grand Hotel Tiziano. Dopo l'introduzione ai lavori a cura di Vittorio Filì, presidente Arptra, e Rosario Centonze, presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e dottori forestali della provincia di Lecce, l'evento, moderato dal consigliere Arptra Sebastiano Vanadia, avrà inizio con l'intervento di Pasquale Saldarelli e Pierfederico La Notte dell'Istituto per la protezione sostenibile delle piante-Cnr Bari che presenteranno i "Primi risultati sulla resistenza varietale al batterio Xylella fastidiosa subspecie pauca ST53.

A seguire, l'agronomo e olivicoltore Giovanni Melcarne parlerà de "La tecnica del reinnesto e il valore agronomico dei semenzali", mentre Salvatore Camposeo del dipartimento di Scienze agroambientali e territoriali dell'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari tratterà "Il reimpianto degli oliveti in areali infetti".

Nunzio Davide Loizzo e Nicola Scarcelli della Banca popolare di Puglia e Basilicata illustreranno infine "Il ruolo delle banche del territorio, insieme con la scienza, per il rilancio dell'olivicoltura pugliese". Seguiranno le conclusioni e il dibattito.

Sono previsti crediti formativi professionali per gli iscritti agli ordini dei dottori agronomi e forestali della Puglia e per gli iscritti al Collegio dei periti agrari e periti agrari laureati della Puglia.

Scarica la locandina del workshop Reimpianti e reinnesti nelle aree infette da Xylella fastidiosa subsp. pauca

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.555 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner