Basilicata, 62 milioni di metri cubi d'acqua meno di un anno fa

Ma la situazione è ancora sotto controllo e dovrebbe consentire una gestione ottimale dell'approvigionamento idropotabile e dell'irrigazione di Basilicata, Puglia e nord della Calabria. Buoni i volumi in alta Puglia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

diga-del-pertusillo02mag2019repertorio-eilpi.jpg

L'invaso del Pertusillo (in foto) è uno degli invasi della Basilicata che contabilizza un minor volume di acqua rispetto allo scorso anno
Fonte foto: © Eipli - Ente per lo sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia

In molti distretti irrigui del Mezzogiorno d’Italia il 1° maggio è coinciso con l’inizio della stagione irrigua. E giusto ieri, in una nota stampa dell’Anbi, l'Associazione nazionale dei Consorzi di gestione e tutela del territorio e delle acque irrigue, è scritto: “Resta positiva la situazione nelle regioni meridionali ed insulari con l’unica eccezione della Basilicata, dove mancano all’appello circa 16 milioni di metri cubi, dovuti ai minori livelli dei bacini Pertusillo e Camastra”. Il tutto in un quadro di siccità non ancora del tutto scongiurata per il nord Italia e comunque di attenzione per i bacini idrici di approvvigionamento per uso irriguo.

AgroNotizie riprende oggi il monitoraggio 2019 sui principali bacini ad uso irriguo e potabile del Mezzogiorno d’Italia e conferma positivamente quanto rilevato da Anbi, e in più si segnala un deficit complessivo sui bacini della Basilicata di circa 62,8 milioni di metri cubi d’acqua rispetto al 2 maggio 2018. I dati pubblicati oggi - e rilevati nella giornata di ieri, 2 maggio 2019 - sono raffrontabili quelli pubblicati lo scorso 19 marzo.
 

Ente per lo sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia

Per irrigare il sud della Puglia, la Basilicata ed il nord della Calabria c’è la disponibilità idrica nei bacini della Basilicata e della Campania ancora gestiti dall’Ente per lo sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia.

Qui il fiume Sinni sbarrato forma il principale bacino lucano, quello di Monte Cotugno, dove a fronte di una capacità di 497 milioni di metri cubi d’acqua presentava nella giornata di ieri, 2 maggio 2019 una scorta da oltre 264,8 milioni di metri cubi, lontana dalla linea di massimo invaso, posta a 252 metri sul livello medio del mare, e soprattutto con meno acqua dello scorso anno, quando il 2 maggio 2018 erano presenti oltre 285,9 milioni di metri cubi d’acqua. Non di meno il volume di acqua invasata è cresciuto, se pur di poco rispetto al precedente monitoraggio AgroNotizie del 18 marzo 2019, che riscontrava una scorta da oltre 257 milioni di metri cubi.

Anche altri bacini hanno meno acqua di un anno fa.E' il caso dello sbarramento sul fiume Agri, che genera l'invaso del Pertusillo: risulta in perdita di circa 36,8 milioni di metri cubi rispetto allo scorso anno. Altro bacino in crisi è quello dell’invaso Camastra che sbarra il torrente omonimo: aveva ieri oltre 10 milioni di metri cubi d’acqua in meno rispetto al 2 maggio 2018.

Nel complesso, i dieci bacini della Basilicata, incluso quello in territorio della Campania di Conza, avevano ieri oltre 529,7 milioni di metri cubi d’acqua invasata, contro i quasi 592,5 dello scorso anno. Il volume invasato il 2 maggio di quest’anno è di poco superiore a quello dello scorso 18 marzo, quando in tutti dieci bacini c’erano 515,4 milioni di metri cubi d’acqua. Ultima nota: in questo monitoraggio non è presente il valore del bacino di Genzano. Ma nel complesso, anche in questo caso, al momento la situazione non desta particolari preoccupazioni: e il monitoraggio continua.

 

Consorzio per la bonifica della Capitanata

Nell’invaso principale tra quelli gestiti dal Consorzio per la bonifica della Capitanata, quello della diga di Occhitto sul fiume Fortore ieri, 2 maggio 2019, vi era una disponibilità di ben 210,7 milioni di metri cubi d’acqua. Mentre nella stessa giornata dello scorso anno, quando ci apprestava ad uscire dalla siccità 2017 – 208, la disponibilità era di oltre 184,7 milioni di metri cubi. Va anche detto che il volume invasato dalla diga di Occhitto non è cresciuto molto rispetto all’ultimo monitoraggio AgroNotizie del 18 marzo scorso, quando erano già presenti 208,6 milioni di metri cubi d’acqua. L’invaso di Occhitto ha una capacità utilizzabile pari a 250 milioni di metri cubi, quindi, in teoria, non è un impianto pieno, ma sicuramente in grado di dare acqua alle principali colture irrigue del foggiano: pomodoro da industria e carciofo in testa.

Non a caso sull’invaso serbatoio di Marana Capacciotti, a fronte di una capacità di 48 milioni di metri cubi, l’acqua pronta per essere immessa nella rete irrigua era ieri calcolata in supero: 48 milioni e 211mila metri cubi. Qualcuno in più dei 42,7 milioni dello stesso giorno dello scorso anno.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: ambiente irrigazione acqua monitoraggi

Temi caldi: Acqua al Sud: viaggio tra i bacini idrici

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.675 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner