Settembre, anche a Fico è tempo di vendemmia

Per quattro settimane, tra i filari della vigna del parco agroalimentare, si celebrerà l'uva, i vini e i vignaioli. Tra gli eventi le Viniadi, il Giro d'Italia dei vini e la festa della vendemmia

mani-uva-fonte-fico.jpg

Un mese dedicato al mondo del vino e della vendemmia

Dalla pigiatura a piedi nudi alle sfide ispirate alle Baroliadi, le "Olimpiadi del vino" tipiche delle Langhe.
Settembre è il mese della vendemmia e Fico, il parco agroalimentare di Bologna, è pronto a celebrare l'uva, i vini e il mestiere dei vignaioli con eventi dedicati alla scoperta delle tradizioni contadine e al piacere di condividere un bicchiere tra la vigna.

Il primo weekend del mese, 1 e 2 settembre, è dedicato alle "Bollicine metodo classico" - Franciacorta, Trento, Alta Langa - in abbinamento con le ostriche. L'8 e il 9 settembre si parlerà invece di "Bollicine Pop" e in particolare dello spumeggiante vino emiliano più venduto in Italia ed esportato nel mondo: il Lambrusco.
Inoltre, nella serata di sabato 8, si potrà gustare un bicchiere all'aria aperta tra i filari del vigneto di Fico che rappresentano la ricchezza della biodiversità vinicola italiana.

L'evento clou delle celebrazioni è in programma per sabato 15 settembre con la Festa della Vendemmia. Il parco si trasformerà in una vera e propria cantina e i partecipanti, come accadeva in passato, pigeranno l'uva a piedi nudi nei tini di legno. Un metodo oggi sostituito quasi ovunque dalla pigiatura meccanica, eppure insuperabile per la leggerezza dello schiacciamento, che permette di evitare la rottura degli acini acerbi, donando al vino grande morbidezza.

Per il weekend del 15 e 16 settembre è prevista la prima tappa del Giro d'Italia dei vini con i grandi bianchi - dalla Ribolla al Verdicchio, dal Frascati al Collio – uniti a gustose proposte e abbinamenti insoliti.
Il fine settimana successivo, 22 e il 23, sarà la volta dei grandi rossi - dal Barolo, al Brunello, dal Primitivo all'Aglianico e all'Amarone - abbinati alle migliori carni italiane, come la chianina e la piemontese.
Sempre sabato 22, gli ospiti potranno partecipare alle "Viniadi", una sfida a punti per divertirsi imparando qualcosa di nuovo sul mondo del vino.

L'ultimo weekend del mese, 29 e 30, si potrà invece assistere alla cottura del mosto, la fase fondamentale nella preparazione dell'ingrediente base dell'Aceto balsamico tradizionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.210 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner