Confusione e virus, per la carpocapsa non c'è scampo

BIOGARD® propone una linea completa di soluzioni innovative ed a basso impatto ambientale

Contenuto promosso da CBC (Europe) :: Divisione Biogard
mele-melo-by-lionello-rovati-fotolia-750.jpeg

Carpocapsa, il più pericoloso tra i fitofagi di melo e pero (Foto di archivio)
Fonte foto: © Lionello Rovati - Fotolia

Il basso livello di presenza sufficiente per produrre un danno economico significativo, qualifica la carpocapsa (Cydia pomonella) come il più pericoloso tra i fitofagi di melo e pero.

La stagione 2020 in generale non ha fatto registrare danni considerevoli. Le aziende hanno gestito la presenza del fitofago applicando strategie di difesa efficaci e razionali. Questo non significa però che si possa abbassare la guardia, soprattutto in considerazione della pericolosità della carpocapsa e del fatto che in alcuni casi si è comunque registrata la presenza di bacato. Occorre dunque continuare in un'attento lavoro di monitoraggio, mentre dove si è anche solo evidenziata la presenza di qualche danno vanno implementate le strategie di difesa.

L'utilizzo dei feromoni per l'applicazione del metodo della confusione sessuale e l'impiego dei preparati microbiologici a base del Virus della Granulosi CpGV (Cydia pomonella Granulo Virus) rappresentano oggi la base imprescindibile su cui fondare un'efficace e razionale strategia di difesa.

BIOGARD®, Divisione di CBC (Europe) Srl, fedele al proprio slogan Biological first, propone per la difesa dalla carpocapsa una linea completa di soluzioni innovative ed a basso impatto ambientale

In primo luogo una qualificata offerta di mezzi per l'applicazione della confusione sessuale: 
  • Isomate C Plus per il controllo della carpocapsa (Cydia pomonella) con diffusore a singolo capillare utilizzabile anche su superfici di piccole dimensioni (1-2 ha);
  • Isomate C TT per il controllo della carpocapsa  con diffusore a doppio capillare per superfici superiori ai due ettari;
  • Isomate C LR Max TT per il controllo contemporaneo della carpocapsa e dei ricamatori;
  • Isomate C/OFM per il controllo contemporaneo di carpocapsa e cidia del pesco (Grapholita molesta) con un diffusore a singolo capillare;
  • Mister C per il controllo della carpocapsa costituito da una bomboletta aerosol, abbinata a Mister Pro, nuovo emettitore temporizzato, pre-programmato e attivato automaticamente al momento dell'inserimento della bomboletta;
  • Mister C LR bombola aerosol per il controllo contemporaneo di carpocapsa e ricamatori.

Prodotti Biogard

La linea di difesa Biogard prevede poi la possibilità di intervenire con trattamenti insetticidi (larvicidi) fogliari a base di granulovirus (CpGV): 
  • Madex Top (CpGV - isolato V15) per il solo controllo della carpocapsa;
  • Madex Twin (CpGV - isolato V22) per il controllo combinato di carpocapsa e cidia del pesco e particolarmente indicato per gli interventi in prossimità della raccolta.

I prodotti della linea Madex sono il frutto della collaborazione tra Andermatt Biocontrol e Biogard.
Utilizzando un processo di selezione specifico, sono stati selezionati degli isolati di CpGV, che hanno portato allo sviluppo di una linea di prodotti innovativa fino ai più recenti Madex Top e Madex Twin.
Madex Top contiene un isolato di CpGV (V 15)  efficace anche contro le popolazioni di carpocapsa che sono divenute resistenti all'isolato messicano del CpGV. Madex Top è quindi il frutto delle ricerche più innovative nel settore degli insetticidi virali e può contribuire in modo sostanziale al contenimento del carpofago, soprattutto nei casi di fenomeni conclamati di resistenza ed evitare così il ripetersi di tale fenomeno in altri frutteti, sia condotti in agricoltura biologica, che con la produzione integrata. Madex Twin invece contiene un isolato di CpGV (V22), selezionato su Grapholita molesta ed efficace sia contro la carpocapsa che contro la cidia del pesco.

Madex Top

I formulati a base di CpGV usati contro la carpocapsa trovano il periodo di applicazione ottimale in prima generazione, quando le larve, prima di penetrare nei frutti, hanno una fase di vagabondaggio durante la quale possono ingerire più facilmente il capside che contiene il virione. Nelle generazioni successive (quando la maggior parte delle uova sono deposte sui frutti) i trattamenti possono essere utilizzati in alternanza o in miscela con altri insetticidi. Gli interventi con CpGV devono essere eseguiti poco prima e/o durante la schiusura delle uova e ripetuti ogni 6-8 giorni al dosaggio rispettivamente di 50-100 ml/ha.

Oltre a curare l'aspetto della bagnatura della vegetazione, bisogna evidenziare anche che il pH dell'acqua deve essere inferiore a 8. La persistenza del CpGV si mantiene sugli otto giorni (soleggiati) con il dosaggio pieno e si abbassa a 6 giorni quando viene applicato il dosaggio/ha dimezzato al 50%; è consigliabile considerare questi valori come fissi senza allungare l'azione insetticida oltre questi limiti. In caso di pioggia, si può calcolare che, una volta che il trattamento si sia asciugato, piogge fino a 10-20 mm non dilavano CpGV, in quanto i granuli, essendo di origine proteica, sono molto affini alle cere della cuticola fogliare.

Nel caso poi in cui ci si trovasse di fronte a popolazioni di carpocapsa particolarmente elevate è possibile effettuare trattamenti abbattenti autunnali (settembre-ottobre) contro le larve svernanti, ricorrendo all'impiego di Nemapom, bioinsetticida a base del nematode entomopatogeno Steinernema feltiae. Il prodotto è un formulato da sciogliere in acqua per essere distribuito possibilmente in giornate umide e piovose o con previsioni di piogge imminenti, in quanto l'umidità/acqua rappresenta il mezzo nel quale il nematode si sposta alla ricerca delle larve.

Alla luce delle recenti limitazioni di numerose molecole chimiche, le linee di difesa integrata proposte da BIOGARD® possono essere concepite come la nuova frontiera della difesa fitosanitaria. Infatti vengono messi a disposizione delle aziende frutticole strumenti molto efficaci, veramente selettivi (attivi solo contro la carpocapsa) e di basso impatto ambientale, sottolineando che su questi prodotti si fondano le più moderne ed efficaci strategie nell'ambito dei Disciplinari di produzione integrata.