Pöttinger punta tanto sullo sviluppo di attrezzi di qualità quanto sul rafforzamento della capacità produttiva per supportare la sua continua crescita. La casa austriaca ha, infatti, investito 25 milioni di euro nella prima fase di costruzione - completata in un solo anno - del nuovo stabilimento di St. Georgen (Austria), inaugurato ufficialmente lo scorso 11 giugno alla presenza dei proprietari, del management, dei dipendenti e di un piccolo gruppo di invitati.

Il sito si aggiunge a quelli di Grieskirchen (Austria), Bernburg (Germania), Vodnany (Repubblica Ceca) - dove vengono prodotte rispettivamente attrezzature per la fienagione, la semina e la lavorazione del terreno - ed è destinato alla produzione di rotopresseranghinatori, come le Impress e i Top, e alla verniciatura di alta qualità. Oggi copre una superficie di 6.300 metri quadrati ma, una volta ultimato grazie ad un investimento di 45 milioni di euro, offrirà una superficie produttiva doppia, simile a quella della sede centrale di Grieskirchen.

Oltre a sostenere l'espansione di Pöttinger, la fabbrica strizza l'occhio all'ambiente, poiché è stata realizzata con materiali da costruzione rinnovabili e presenta tetto verde, riscaldamento a pavimento e soluzioni per il risparmio energetico, quali la tecnologia led, l'isolamento termico e il recupero del calore.

"Soddisfatti dello sviluppo positivo della nostra attività, vogliamo sfruttare l'attuale crescita della domanda per espandere la distribuzione e introdurre novità senza trascurare la sostenibilità" afferma Gregor Dietachmayr, portavoce del management di Pöttinger, durante la cerimonia inaugurale che segna l'inizio della seconda fase di costruzione.
pottinger-sede-stgeorgen-2021.jpg
Un momento dell'inaugurazione della quarta fabbrica di Pöttinger Fonte foto: Pöttinger