Gruppo ARGO, bilancio positivo per il 2008

23.500 trattori e 9.570 macchine agricole prodotte nel 2008

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo-argo1.jpg

Il consiglio di Amministrazione di Argo SpA sotto la presidenza di Valerio Morra ha approvato il bilancio 2008

In uno scenario economico penalizzato da condizioni di mercato alquanto difficili il Gruppo Argo ha realizzato un importante sviluppo, frutto di un rilevante posizionamento sui mercati mondiali

In particolare, il Gruppo Argo ha registrato un consolidamento delle quote di mercato nei mercati dell'Europa Occidentale e Nord America con una significativa crescita nei paesi dell'Europa dell'Est, Africa, Medio Oriente e Far East. 

A testimoniare la crescita del Gruppo sono i risultati dell'esercizio 2008 che evidenziano un consistente incremento rispetto all'esercizio precedente. 

Argo SpA ha registrato, infatti, un fatturato consolidato 2008 pari a 757 di milioni Euro con un incremento del + 12% rispetto all'anno precedente. L'EBIT è pari a 45 milioni di Euro e l'utile prima delle imposte è pari a 14 milioni di Euro. 

Tale fatturato risulta realizzato per l'85% sui mercati esteri, a testimonianza del maggiore grado di internazionalizzazione del Gruppo.  

In termini numerici  il Gruppo Argo nel 2008 ha prodotto 23.500 trattori e 9.570 macchine agricole delle quali 1.040 mietitrebbie. 

Tali valori corrispondono ad un incremento di fatturato così suddiviso: 

Divisione Trattori: + 10% rispetto al 2007  

Divisione macchine agricole: + 20% rispetto al 2007  

Il significativo calo della domanda mondiale del settore non ha dunque influito sulla positività dei risultati dell'esercizio 2008. 

"Considerato lo scenario generale in forte flessione fin dall'ultimo trimestre del 2008" spiega il presidente del gruppo Valerio Morra "Argo ha posto in essere iniziative volte alla riorganizzazione dei processi aziendali, al contenimento dei costi di struttura e alla razionalizzazione degli investimenti con la finalità di attenuare gli effetti del calo della domanda, senza comunque compromettere la potenzialità di sviluppo nel medio-lungo termine.  

I risultati del 2009 saranno condizionati dalla sfavorevole congiuntura economico finanziaria in corso. Per raggiungere obiettivi di soddisfazione Argo concentrerà i propri investimenti sullo sviluppo di nuovi prodotti, sul rafforzamento della rete distributiva e sul miglioramento del livello di servizio per i nostri clienti."  

Fonte: Argo

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.188 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner