Puglia, Bellanova firma il decreto "gelate del 2018" per i frantoi

La procedura per presentare la domanda di aiuto ad Agea sarà automatizzata. Dovrà essere riempito un modulo precompilato sulla base dei dati contenuti nel registro vendite oli del Sian, ai fini della quantificazione della perdita di fatturato

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

soldi-banconote-arrotolate-euro-by-jeanluc-fotolia-750.jpeg

L'aliquota di calcolo del contributo, variabile a seconda dell'entità del danno, sarà applicata al valore mediano tra i fatturati del triennio 2016-2018
Fonte foto: © Jeanluc-Fotolia

E' stato firmato anche dalla ministra alle Politiche agricole, Teresa Bellanova il decreto interministeriale che consente di sbloccare i fondi destinati a sostenere i frantoi pugliesi che hanno subito un calo di fatturato a causa delle eccezionali gelate di fine febbraio 2018, come previsto dall'articolo 6 bis della legge n 44 del 2019 che aveva convertito il "Decreto emergenze in agricoltura". La firma della Bellanova giunge subito dopo quella del ministro per lo Sviluppo economico, Luigi Di Maio e prima di quella del capo del dicastero dell'Economia e delle finanze, Roberto Gualtieri.

Il provvedimento stabilisce i criteri, le procedure e le modalità per la concessione ed il calcolo del contributo e per il riparto delle risorse tra le imprese interessate. Le risorse stanziate, una volta terminato l'iter con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, saranno interamente trasferite all'Agea, che procederà all'istruttoria delle domande di aiuto ed alla concessione del contributo.
 

Bellanova, risorse per un comparto che lotta contro difficoltà straordinarie

"Con questo decreto vengono sbloccati i fondi destinati agli olivicoltori pugliesi. Dopo i 35 milioni destinati ai frantoi nell'ambito del Piano Xylella fastidiosa, garantiamo ulteriore ossigeno in favore di un comparto che sta lottando da anni contro difficoltà straordinarie". Così la ministra Teresa Bellanova. Che prosegue "Questa nuova misura in favore dei frantoi prevede la presentazione di domande precompilate con acquisizione automatizzata dei dati presenti sul Registro Sian di commercializzazione dell'olio. Auspichiamo - ha concluso la ministra - che la stessa tempestività sia attuata a livello regionale per garantire il veloce utilizzo delle risorse garantite con il Piano di rigenerazione olivicola". Ecco in breve la struttura del provvedimento.
 

Il Decreto interministeriale frantoi in pillole

Soggetto gestore
Le risorse stanziate sono interamente trasferite all'Agea, che procede all'istruttoria delle domande di aiuto ed alla concessione del contributo.

Beneficiari
Possono accedere al contributo i frantoi oleari, comprese le cooperative di trasformazione nel settore oleario e le imprese agricole per i quantitativi riferiti alla trasformazione delle olive non provenienti dalla propria azienda, ubicati nei territori della Regione Puglia, che a causa delle gelate eccezionali verificatesi dal 26 febbraio al 1° marzo 2018 hanno interrotto l'attività molitoria e hanno subito un decremento di fatturato rispetto al valore mediano del corrispondente periodo del triennio 2016-2018.

Descrizione e ambito di applicazione della misura
Il contributo è concesso al verificarsi di un decremento del fatturato rispetto al valore mediano del corrispondente periodo del triennio 2016-2018, risultante dai dati presenti nel Registro Sian di commercializzazione olio (istituito dall'articolo 5 del decreto ministeriale 23 dicembre 2013). Per le imprese agricole, i quantitativi sono riferiti alla trasformazione delle olive non provenienti dalla propria azienda, come risultanti dallo stesso Registro Sian.

Le modalità di determinazione del contributo sono riportate nell'allegato I al decreto. In particolare, si prevedono diverse classi di mancata produzione a cui corrispondono percentuali decrescenti di ristoro del danno. Con una mancata produzione fino a 40mila euro si prevede un ristoro del danno pari al 60%, mentre in caso di mancata produzione pari o superiore a 130mila euro il ristoro del danno sarà pari al 47,5 %. Il tetto massimo del contributo è fissato comunque a 200mila euro. Il decreto prevede inoltre che ove le richieste di aiuto superino gli 8 milioni di euro di stanziamento complessivo, Agea procederà alla riduzione proporzionale degli aiuti concessi.

Richiesta e concessione del contributo
E' prevista la presentazione ad Agea da parte delle imprese interessate di una domanda precompilata sulla base dei dati risultanti dal Registro. La domanda sarà corredata da autocertificazione sottoscritta dal rappresentante legale e da copia del documento di riconoscimento di quest'ultimo.

Le modalità dettagliate di presentazione delle domande saranno definite e comunicate da Agea entro 30 giorni dall'entrata in vigore del decreto. Agea ha la responsabilità di verificare la completezza delle informazioni e il possesso da parte del richiedente dei requisiti di ammissibilità, provvedendo a determinare e comunicare all'impresa interessata l'ammontare del contributo.

Il Decreto prevede il pagamento di un anticipo del 65% del contributo concesso. Al termine dei controlli di competenza, Agea provvede a corrispondere il saldo. Nel caso di insussistenza delle condizioni previste per la concessione dell'aiuto, Agea provvede a comunicare al beneficiario i motivi ostativi all'accoglimento della domanda ai sensi dell'articolo 10-bis della legge 7 agosto 1990, n 241 e successive modificazioni.

Il contributo è concesso ai sensi del Regolamento relativo agli aiuti "de minimis". Uno stesso beneficiario potrà ricevere altri aiuti "de minimis" solo laddove non sia superato il limite massimo di 200mila euro di contributo in tre esercizi finanziari.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: olio olivicoltura ministro aiuti diretti aiuti di stato frantoi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.212 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner