Siglato accordo tra Syngenta e Carisbo per l'acquisizione di PSB

La Società Produttori Sementi, che ha sede in provincia di Bologna, conserverà il marchio. Obiettivo dell'operazione: contribuire al miglioramento delle varietà di grano duro

Contenuto promosso da Syngenta Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

psbargelato.jpg

La sede di PSB ad Argelato

Syngenta acquisisce le varietà, l’expertise e le strutture di PSB, Società Produttori Sementi, azienda sementiera presente in provincia di Bologna dal 1911. PSB è oggi leader nella selezione e miglioramento delle sementi di grano duro in Italia; le sue varietà sono coltivate su più di 330.000 ettari.

La struttura di PSB comprende oltre alla sede centrale di Argelato, un’azienda agricola di 450 ettari in provincia di Ferrara. PSB vanta inoltre un’esperienza centenaria nella selezione di frumento tenero, con una lista varietale in grado di soddisfare le attuali esigenze della filiera agro-alimentare, e varietà di erba medica per la filiera dei foraggi, selezionate e mantenute in purezza attraverso innovative linee di ricerca e controllo.

Un aspetto fondamentale nell’accordo è la conservazione del marchio centenario di PSB, che continuerà ad essere sinonimo di produzione di grano duro italiano di altissima qualità, attraverso il riconoscimento e la valorizzazione del know-how e della professionalità dei collaboratori di PSB.
Questo accordo permetterà agli agricoltori, in Italia e nei paesi chiave per la coltivazione del grano duro, di soddisfare la crescente domanda di semola per la produzione di pasta di qualità – un mercato globale del valore stimato di 16 miliardi di dollari. Fondazione Carisbo manterrà il proprio coinvolgimento, assicurando la continuità e il legame con il territorio.

“PSB coniuga qualità, tradizione e innovazione, elementi fondamentali del made in Italy - ha detto John Atkin, chief operating officer di Syngenta -. La sua expertise senza pari nella selezione e miglioramento delle sementi di grano duro e i suoi legami con l’industria alimentare saranno completate dalla ricerca e sviluppo d’avanguardia di Syngenta nei cereali e dalla sua presenza globale. Lavorando insieme aiuteremo un maggior numero di agricoltori a crescere nel mercato italiano, sempre più competitivo, e sosterremo l’espansione internazionale della filiera agroalimentare made in Italy.”
 
“Siamo molto soddisfatti per la conclusione di questo accordo, che apre a PSB nuovi orizzonti commerciali e nuove opportunità di sviluppo - ha aggiunto Leone Sibani, presidente Fondazione Carisbo, attuale proprietaria dell’azienda -. L’accesso alle competenze tecnologiche e alla presenza internazionale di Syngenta, combinate con la lunga esperienza di PSB nella selezione delle varietà, permetteranno lo sviluppo di nuove soluzioni per l’agricoltura e per l’industria alimentare, preservando la presenza radicata nella provincia di Bologna.”

Le due aziende condividono inoltre un forte impegno per l’agricoltura sostenibile, come dimostrano l’iniziativa di PSB From Seed to Pasta, complementare a The Good Growth Plan, recentemente lanciato da Syngenta.
I dettagli finanziari dell’operazione non sono stati resi noti.