Contro la botrite? Botector!

L’antibotritico di Manica è naturale, efficace e persistente senza tempo di carenza

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

botector-botrite-fonte-manica.png

Il fungicida è a base di Aureobasidium pullulans
Fonte foto: © Manica

Botector, a base del fungo Aureobasidium pullulans, è il fungicida di ultima generazione di Manica.

Questo fungo agisce per antagonismo e sottrazione degli elementi nutritivi nei confronti della botrite, colonizzando le microlesioni presenti sul grappolo e agendo da scudo naturale contro l’ingresso della botrite.

Questo meccanismo d’azione lo rende ideale per gestire e combattere le resistenze ai fitofarmaci di sintesi che si possono essere create nel vigneto a seguito di un uso eccessivo o incontrollato di antibotritici chimici.

Botector va applicato, a seconda della strategia, in tre fasi: pre-chiusura, invaiatura e pre raccolta; con una dose di 400 g/ha in circa 400 litri di acqua (0,1%).

Rimane fondamentale trattare durante l’invaiatura poiché è questo il momento dove le difese naturali del grappolo collassano e gli zuccheri aumentano rendendolo così altamente suscettibile alla botrite.
Essendo un lievito naturalmente presente nell’ecosistema non dà residuo e pertanto non ha giorni di tempo di carenza e non sporca il grappolo.

Anche in caso di un forte evento piovoso (30 mm) il prodotto rimane adeso al grappolo, una volta che lo ha colonizzato (36 ore dopo il trattamento).
Non influenza in nessun modo la cinetica delle fermentazioni e non dà alterazioni olfattive o gustative sui vini.
Botector è un agrofarmaco registrato (n. 14951 del 22.05.2012), autorizzato in agricoltura biologica e integrata.
 
Guarda il meccanismo d’azione: 
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.825 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner