Avviso ai naviganti n° 14: le scadenze del Pan nel 2016

Normativa nazionale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Le scadenze che il Pan ha previsto per il 2016 riguardano il controllo funzionale delle attrezzature entro la data “topica” del 26 novembre e l'invio della relazione sullo stato di attuazione del Pan che Regioni e provincie autonome dovranno effettuare entro la fine dell'anno.

Controllo funzionale delle attrezzature: non è prevista nessuna proroga. C'è da crederci?
Entro il 26 novembre di quest'anno la maggior parte delle irroratrici italiane, con alcune eccezioni, dovranno sottoporsi per la prima volta a un controllo funzionale in uno dei centri prova sparsi per tutto il territorio nazionale (clicca qui per accedere alla mappa ricavata dai dati del “Database nazionale dei centri prova e dei tecnici abilitati al controllo funzionale delle macchine irroratrici”, a cura del Disafa - Laboratorio Crop Protection Technology dell'Università di Torino e di Enama - Ente nazionale per la meccanizzazione agricola). La verifica, il cui costo non può superare i 200 euro per attrezzatura, interessa una ventina di tipologie diverse di irroratrici, elencate nello stesso Pan e dettagliate nel provvedimento emanato dal ministero delle politiche agricole nel marzo dello scorso anno, suddivise in quattro grossi gruppi (irroratrici per colture arboree, per colture erbacee, per colture protette e per “altre colture”). Sono esentate dai controlli le attrezzature a prevalente uso hobbistico: irroratrici portatili e spalleggiate, azionate dall’operatore, con serbatoio in pressione o dotate di pompante a leva manuale; irroratrici spalleggiate a motore prive di ventilatore, quando non utilizzate per trattamenti su colture protette”, mentre modelli particolari (“irroratrici abbinate a macchine operatrici, quali seminatrici e sarchiatrici, che distribuiscono prodotti fitosanitari in forma localizzata o altre irroratrici, con banda trattata inferiore o uguale a tre metri oppure irroratrici schermate per il trattamento localizzato del sottofila delle colture arboree” ) saranno controllati nel 2018. Infine quelle attrezzature ancora prive di una procedura standardizzata per il controllo funzionale (es. impolveratrici, microgranulatori, barre umettanti, fumigatrici, attrezzature per la concia meccanizzata delle sementi, fogger) verranno controllate secondo le modalità di un decreto da emanarsi entro tre mesi dalla pubblicazione delle relative linee guida. Per rispondere al quesito del titolo, una eventuale proroga sarebbe a rischio di infrazione UE, con possibilità di multe salate, per cui la probabilità di proroghe è scarsa. Ricordiamo le multe per chi non effettua i controlli funzionali previsti: sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 2000euro salvo che il fatto non costituisca reato.

Scarica lo scadenzario

Relazione sullo stato di attuazione del Pan
La relazione che le Regioni dovranno presentare al ministero della Salute, delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e a quello dell'Ambiente dovrà esaminare punto per punto l'attuazione e i risultati delle azioni previste dal Pan, dalla formazione degli attori della filiera (utilizzatori professionali, distributori, consulenti), all'informazione e sensibilizzazione dell'intera popolazione interessata al fenomeno, ai vari divieti di utilizzo di alcune tipologie di prodotti fitosanitari che tanti problemi stanno causando agli addetti ai lavori, che da tempo denunciano criticità in settori importantissimi quali il diserbo dei bordi stradali e delle sedi ferroviarie, dalla cui efficacia dipende la sicurezza di migliaia di persone.

Per saperne di più

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 271.096 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner